Capanni: una sola procedura per la riqualificazione e la concessione demaniale

Il Sue, infatti, una vota ricevute le istanze e la documentazione di progetto le trasmetterà agli enti competenti e convocherà un'apposita conferenza dei servizi per acquisire i pareri e le autorizzazioni necessar

I proprietari di capanni da pesca, classificati come "regolarmente esistenti" dal regolamento vigente e situati sui fiumi del bacino idrico romagnolo (Savio, Bevano, Fiumi Uniti,  Lamone e parte dello Scolo Taglio), che intendono riqualificare le proprie strutture secondo le norme, possono presentare sia il progetto di riqualificazione sia l’istanza di rinnovo di concessione demaniale se scaduta o in scadenza, al Sue, lo sportello unico per l'edilizia in piazzale Farini 21 a Ravenna. Il Sue, infatti, una vota ricevute le istanze e la documentazione di progetto le trasmetterà agli enti competenti e convocherà un'apposita conferenza dei servizi per acquisire i pareri e le autorizzazioni necessari. In caso di esito positivo la Sac rilascerà il rinnovo di concessione demaniale e conseguentemente il Suse concederà al titolare del capanno interessato l'autorizzazione dei lavori di riqualificazione della struttura.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si tratta di un procedimento unico che, mediante la ricezione contestuale delle istanze, corredate dalla documentazione tecnica, da parte di un unico ufficio, il Suse, consente di acquisire tutti i titoli abilitativi necessari per gli interventi di riqualificazione del capanno tra cui: il nulla-osta dell'Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile, il nulla-osta dell'ente di gestione dell’area naturale protetta ed il rinnovo della concessione demaniale da parte di Sac (dal primo maggio scorso ente competente al posto del Servizio tecnico di Bacino). Tale semplificazione è il risultato di un accordo fra il Comune e Sac (Struttura Autorizzazioni e concessioni di Arpae Ravenna).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sui binari: studente minorenne perde la vita

  • Primi due studenti positivi al Coronavirus in due scuole ravennati

  • Dopo 56 anni e 3 generazioni chiude lo storico supermercato: "A quell'epoca in paese c'erano 4 negozi"

  • Dramma sui binari: muore investito da un treno

  • Maxi festino nascosti in casa tra assembramenti e droga: 34 ragazzi nei guai

  • Travolto mentre attraversa in pieno centro: portato in ospedale in elicottero

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento