Cronaca

Capitali del Turismo Smart: Ravenna fa scuola in Europa

Ravenna viene citata per l’accessibilità al centro storico, la tutela dell’ambiente naturale, gli hub digitali e i social media come connettore sociale

Sono state pubblicate in questi giorni le buone pratiche delle città selezionate come Capitali del Turismo Smart, tra le quali Ravenna, che nello scorso ottobre sono state invitate al Forum Europeo del Turismo svoltosi ad Helsinki e lanciato dalla Commissione europea per promuovere il turismo smart creando dei network tra le città e rafforzando le destinazioni, grazie anche allo scambio di “buone pratiche”. Sostenibilità, accessibilità, digitalizzazione, patrimonio culturale e creatività: queste le categorie nell’ambito delle quali sono stati valutati i traguardi raggiunti.

“Essere inseriti in questo network – afferma l’assessore al turismo Giacomo Costantini – ci offre ulteriori spunti di innovazione dal profilo europeo, permettendo contestualmente una importante visibilità della nostra città attraverso l’offerta di peculiarità sempre più richieste da chi viaggia come l’accessibilità al centro storico e ai monumenti, la tutela dell’ambiente, gli strumenti digitali e i social media come connettore sociale”.

Ravenna viene citata per l’accessibilità al centro storico, la tutela dell’ambiente naturale, gli hub digitali e i social media come connettore sociale. La nostra città, infatti, grazie al progetto Usefall-siti Unesco, ha promosso una formazione sull’accessibilità agli operatori turistici locali, inoltre, sono state prodotte delle audioguide e dei mosaici tattili, per rendere l’esperienza della visita dei mosaici Unesco anche per i non vedenti, esperienza che può essere fatta da tutti.

Il progetto del Parco Marittimo, invece, è stato valutato dal punto di vista della tutela e della valorizzazione dell’ambiente naturale. Le future passerelle di accesso in legno alle spiagge preserveranno l'ecosistema delle dune lungo i 35 chilometri del litorale di Ravenna. Inoltre, è stata premiata l’accoglienza turistica lungo le spiagge e l’ottenimento della bandiera blu, riconoscimento internazionale della qualità ambientale e gestione sostenibile delle aree costiere.

L’hub digitale del Laboratorio Aperto di Ravenna, con sede al Mar Museo d’Arte della città e al museo Classis, dal 2017 ha creato un open lab con l’obiettivo principale di formare un ambiente in cui i partecipanti potessero incontrarsi raccogliere idee riguardanti la fusione di attrazioni culturali e interessi turistici e implementare soluzioni moderne per l’inclusione digitale e alfabetizzazione e lo sviluppo di nuove competenze.

Ravenna è stata valutata positivamente anche per la connessione Wi-Fi gratuita che copre anche la costa lunga 35 chilometri. Positivo anche myRavenna, il blog che permette ai turisti di scoprire una città da un punto di vista nuovo attraverso la condizione delle esperienze degli abitanti e dei turisti. Oltre a Ravenna fanno parte del network delle Capitali Europee del Turismo Smart Breda (Paesi Bassi), Bremerhaven (Germania), Gothenburg (Svezia), Karlsruhe (Germania), Ljubljana (Slovenia), Màlaga (Spagna), Nizza (Francia) e Torino.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Capitali del Turismo Smart: Ravenna fa scuola in Europa

RavennaToday è in caricamento