rotate-mobile
Martedì, 6 Dicembre 2022
Cronaca

Caro bollette, Ravenna oltre la media nazionale: per ogni famiglia aumento medio del 143%

E' quanto emerge da uno studio dell'Associazione nazionale Consumatori. A livello nazionale la crescita è stata del 135%, con una stangata a famiglia pari in media a 1.820 euro in più in un anno

Un aumento veritiginoso, pari al 143,2%: di tanto sono rincarati i prezzi di energia elettrica, gas e altri combustibili nel mese di ottobre per i ravennati (30esima città in classifica). E' quanto emerge da uno studio dell'Associazione nazionale Consumatori. A livello nazionale la crescita è stata del 135%, con una stangata a famiglia pari in media a 1.820 euro in più in un anno. In alcune città tra le 70 monitorate dall'Associazione nazionale consumatori si è superato addirittura il 160%.

In alcune città tra le 70 monitorate dall'Associazione nazionale consumatori si è superato addirittura il 160%. L'inflazione, che ha raggiunto ad ottobre la percentuale record dell'11,8%, ha inciso in modo diseguale sugli aumenti, che non sono gli stessi in tutti i luoghi. Infatti, generalmente, i prezzi in città crescono più velocemente rispetto alle periferie, e al nord più che al sud. A tal proposito l'Associazione nazionale consumatori ha stilato due classifiche: una riguarda le città più "virtuose", dove gli aumenti sono stati "minori", e un'altra quelle più tartassate, dove invece la crescita dei prezzi è stata maggiore rispetto alla media nazionale.

Tra le città più virtuose, classificatesi dal decimo al quarto posto, si segnalano: Cosenza (+118,9%); Avellino (+116,8%); Gorizia (+116,4%); Reggio Calabria (+115,8%); Catanzaro (+115,6%); Caserta (+110,2%) e Benevento (+109,4%). In questa speciale classifica al terzo posto si piazza Napoli, che registra un +108,3%. Alle spalle della prima in classifica troviamo invece Aosta: il capoluogo di regione ha registrato un +98,3%. "Vince" Potenza, in Basilicata: la città ha registrato un aumento dei prezzi pari al +96,1%. Il capoluogo della regione è perciò il solo, insieme ad Aosta, a non aver raddoppiato le tariffe.

Tra le città più tartassate, classificatesi dal decimo al quarto posto, si segnalano: Imperia (148,1%); Biella (+148,3%); Vercelli (+148,5%); Massa Carrara (+150,3%); Alessandria (+151%); Lodi (+151,2%) e infine Bologna (+151,7%). Sul gradino più basso del podio c'è Teramo: la città abruzzese ha registrato un aumento dei prezzi pari al +152,2%. Davanti a Teramo si posiziona invece Terni, in Umbria: in città le spese per luce e gas hanno compiuto un balzo del +160,7%. E in prima posizione si distingue un'altra città umbra, Perugia: nel capoluogo di regione il prezzo delle utenze è salito addirittura del +163,8%.

Di seguito, la classifica completa delle città con l'inflazione più alta per energia elettrica, gas e altri combustibili (mese di ottobre 2022, dati tendenziali in percentuale).

  • 1 Perugia 163,8
  • 2 Terni 160,7
  • 3 Teramo 152,2
  • 4 Bologna 151,7
  • 5 Lodi 151,2
  • 6 Alessandria 151
  • 7 Massa-Carrara 150,3
  • 8 Vercelli 148,5
  • 9 Biella 148,3
  • 10 Imperia 148,1
  • 11 Pescara 147,9
  • 12 Genova 147,8
  • 12 La Spezia 147,8
  • 13 Milano 147,7
  • 14 Siena 147,6
  • 15 Pistoia 147,2
  • 16 Campobasso 146,9
  • 17 Lecco 146,8
  • 17 Lucca 146,8
  • 18 Firenze 146,7
  • 19 Cuneo 146,6
  • 20 Arezzo 146,5
  • 21 Novara 146,4
  • 21 Varese 146,4
  • 22 Rimini 145,9
  • 22 Grosseto 145,9
  • 23 Pisa 145,7
  • 24 Brescia 145,6
  • 24 Livorno 145,6
  • 25 Torino 145,5
  • 25 Modena 145,5
  • 26 Pavia 145,3
  • 27 Bergamo 145,2
  • 27 Cremona 145,2
  • 28 Mantova 144,7
  • 29 Como 144,3
  • 30 Ravenna 143,2
  • 31 Piacenza 143
  • 32 Forlì-Cesena 142,9
  • 33 Catania 141,7
  • 34 Ferrara 141,6
  • 35 Parma 141,3
  • 36 Reggio Emilia 141,2
  • 37 Bolzano 139,3
  • 38 Messina 139
  • 39 Trapani 138,9
  • 40 Trento 137,2
  • 41 Macerata 137
  • 42 Ascoli Piceno 135,9
  • 43 Siracusa 135,6
  • 44 Ancona 135,2
  • 44 Palermo 135,2
  • 45 Caltanissetta 134,3
  • 46 Brindisi 133,2
  • 47 Bari 132
  • 48 Vicenza 129,1
  • 49 Olbia-Tempio 127,7
  • 50 Padova 125,3
  • 50 Viterbo 123,3
  • 51 Treviso 123,1
  • 52 Roma 122,9
  • 53 Belluno 122,6
  • 54 Cagliari 122,3
  • 55 Trieste 122,2
  • 56 Venezia 122,1
  • 57 Rovigo 122
  • 57 Udine 122
  • 58 Verona 121,9
  • 59 Pordenone 121,4
  • 60 Sassari 120,4
  • 61 Cosenza 118,9
  • 62 Avellino 116,8
  • 63 Gorizia 116,4
  • 64 Reggio Calabria 115,8
  • 65 Catanzaro 115,6
  • 66 Caserta 110,2
  • 67 Benevento 109,4
  • 68 Napoli 108,3
  • 69 Aosta 98,3
  • 70 Potenza 96,1
  • Italia 135 (media nazionale)

L'articolo di Today

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caro bollette, Ravenna oltre la media nazionale: per ogni famiglia aumento medio del 143%

RavennaToday è in caricamento