rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Cronaca

Lido di Savio o 'Bologna mare'? Una petizione per eliminare i cartelli: "Da quando Ravenna è in Emilia?"

Dal Comune hanno ribadito che la frazione continuerà a chiamarsi Lido di Savio. Ma la precisazione non è bastata: tanti sui social nelle ultime ore hanno protestato per i nuovi cartelli dal richiamo emiliano

Impazza la polemica sui social dopo il posizionamento dei cartelli turistici con la denominazione storica 'Bologna mare' a Lido di Savio. L'iniziativa è nata da un sondaggio promosso dal Comune di Ravenna per scegliere la denominazione del lido ravennate, al quale hanno partecipato 2244 cittadini e turisti. Si tratta dei caratteristici cartelli turistici di colore marrone e non dei cartelli bianchi di località, tanto che dal Comune hanno ribadito che la frazione continuerà a chiamarsi Lido di Savio.

Ma la precisazione non è bastata: tanti sui social nelle ultime ore hanno protestato per i nuovi cartelli dal richiamo emiliano. Qualcuno ha addirittura lanciato una petizione su Change.org per chiedere l'abolizione della dicitura - alle 13.30 di giovedì le firme ottenute erano già 425.

E l'eco delle polemiche è giunto fino a Forlì: "Il comune di Ravenna è passato in Emilia? - ironizza il consigliere comunale e segretario forlivese della Lega Albert Bentivogli - Quando è avvenuto il passaggio? Il sindaco Michele De Pascale e la giunta del partito democratico hanno permesso questa farsa? Ricordo ai senza patria che la Romagna è una terra con una collocazione storica, geografica e culturale ben precisa fondata su valori che i nostri padri hanno sempre tramandato, difeso e valorizzato. La Romagna è da sempre la terra dell’ospitalità e cortesia da non confondere però con la terra di chiunque. Cari “romagnoli” senza patria, vi ricordo che dal Santerno in giù c’è solo la Romagna".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lido di Savio o 'Bologna mare'? Una petizione per eliminare i cartelli: "Da quando Ravenna è in Emilia?"

RavennaToday è in caricamento