Casa della Salute di San Pietro in Vincoli: "Il sindaco mantenga gli impegni presi"

La Pigna: "Dal giorno dell’inaugurazione in pompa magna della casa della salute di San Pietro in Vincoli, avvenuta il 14 maggio 2017, le promesse del sindaco de Pascale sono rimaste tali"

"Dal giorno dell’inaugurazione in pompa magna della casa della salute di San Pietro in Vincoli, avvenuta il 14 maggio 2017, le promesse del sindaco de Pascale sono rimaste tali. Come troppo spesso accade". A pensarla così sono i membri della Pigna Veronica Verlicchi, capogruppo, Paola Pantoli, referente per il forese, e Andrea Barbieri, consigliere territoriale a San Pietro in Vincoli.

"A distanza di oltre 2 anni dalla sua inaugurazione, infatti, i circa 20.0000 ravennati residenti a San Pietro in Vincoli e nelle località delle Ville Unite continuano a essere costretti a recarsi al Cmp per poter effettuare visite ed esami, con inevitabile grande disagio per tutti i residenti tra i quali moltissimi anziani che, peraltro, non possono neppure contare su un adeguato servizio del trasporto pubblico locale.  In questo modo non si alleggerisce di certo il flusso di utenti al Cmp, al quale vengono così destinati anche cittadini che dovrebbero, al contrario, contare sui servizi decentrati nei loro territori. Alla Casa della salute mancano diversi servizi sanitari indispensabili, già ripetutamente promessi ai residenti e mai implementati: le visite specialiste di cardiologia e oculistica, otorino, dermatologia, urologia, il servizio odontotecnico oltre al servizio infermieristico giornaliero, oggi garantito solo tre giorni alla settimana.  Per non parlare della difficoltà di accessibilità alla stessa casa della salute, particolarmente difficoltosa in particolare per la popolazione anziana del territorio". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il capitolo trasporto pubblico, poi, non é certo in condizioni migliori - continuano i tre - Già oltre un anno fa, il consiglio comunale di Ravenna ha approvato ben due proposte da noi presentate per l’attivazione di un bus navetta che colleghi le varie località delle Ville Unite il venerdì, giorno di mercato, e per la creazione di una fermata della linea Ravenna/Forlì/Ravenna, al fine di consentire il raggiungimento agevole della Casa della Salute, sopratutto per anziani e diversamente abili. Si tratta di tre aspetti imprescindibili per dare risposte adeguate alle esigenze delle Ville Unite. Di promesse non mantenute e auto elaborazioni ne abbiamo tutti abbastanza. Sarebbe ora di passare dalle chiacchiere ai fatti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico schianto tra tre auto all'incrocio: muore un automobilista

  • Schianto all'incrocio tra un'auto e un bus con a bordo i passeggeri

  • Colpiti da un'auto mentre vanno in bici: due ciclisti in ospedale

  • Staff a contatto con un soggetto a rischio Coronavirus: il sushi chiude

  • Pulizie accurate e addio buffet: per hotel e camping "questo sarà un anno da dimenticare in fretta"

  • La dura scelta controcorrente del barista: "Il bar è la mia vita, ma riaprire vorrebbe dire fallire"

Torna su
RavennaToday è in caricamento