rotate-mobile
Cronaca Cervia

Casa delle Aie, a scuola di cucina romagnola

Proseguono i laboratori didattici dedicati alla cucina romagnola, promossi dall’Associazione Culturale Casa delle Aie Cervia in un rapporto di fattiva collaborazione con la gestione del ristorante (famiglia Battistini)

Proseguono i laboratori didattici dedicati alla cucina romagnola, promossi dall’Associazione Culturale Casa delle Aie Cervia in un rapporto di fattiva collaborazione con la gestione del ristorante (famiglia Battistini). Il nuovo appuntamento è fissato per  giovedì 21 febbraio 2013, dalle ore 9 alle 12, alla Casa delle Aie di Cervia. Parteciperà all’iniziativa la classe 2ª E dell’Istituto Alberghiero (IPSEOA – Istituto Professionale Servizi per l’Enogastronomia e l’Ospitalità Alberghiera), che verrà accompagnata dal docente Domenico Magnifico Junior.

Si consolida una novità avviata il 24 gennaio scorso con l’IPSEOA in quanto di solito vengono coinvolte le scuole primarie. Il laboratorio didattico del 21 febbraio integra il programma già svolto dall’Associazione Casa delle Aie all’interno dei locali dell’Istituto alberghiero. Il laboratorio didattico è mirato a valorizzare le tradizioni gastronomiche cervesi e romagnole. La partecipazione all’iniziativa è a titolo gratuito e il Comune di Cervia collabora mettendo a disposizione il servizio di trasporto. Il laboratorio didattico  è coordinato da Miriam Montesi e Mario Stella.

Un esperto di tradizioni gastronomiche locali, Alfio Troncossi, in una sala della Casa delle Aie, fornisce, con aneddoti e racconti, una prima informazione sulle tradizioni alimentari e gastronomiche del nostro territorio. Gli studenti vengono accompagnati alla scoperta di quattro specialità tipiche romagnole: strozzapreti, cappelletti, tagliatelle e, naturalmente, la piadina romagnola. E’ l’occasione per conoscere come si fa la pasta sfoglia, come si usa il matterello, come si prepara l’impasto della piadina e dei primi piatti della tradizione romagnola.

Gli studenti partecipanti vengono suddivisi in piccoli gruppi che le “sfogline” della Casa delle Aie seguono con grande disponibilità e professionalità. I ragazzi vivono l’esperienza straordinaria di manipolazione e preparazione di questi piatti e cibi tradizionali. Il momento conclusivo dell’iniziativa è naturalmente quello più gustoso. I primi piatti e la piadina preparati nell’arco della mattinata vengono cucinati dal personale delle Aie nella cucina e serviti in una delle sale del ristorante. E’ un momento che gli studenti dimostrano di gradire particolarmente e che è la degna conclusione di un’esperienza diretta di scoperta dei cibi tradizionali locali.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casa delle Aie, a scuola di cucina romagnola

RavennaToday è in caricamento