Casa Novella festeggia vent'anni a servizio dei ragazzi più bisognosi

115 sono le persone accolte nelle sei strutture che sorgono attorno al progetto che Novella Scardovi fondò assieme al marito Giuliano

A Castelbolognese l'attività di “Casa Novella” accoglie ragazzi bisognosi e organizza attività di educazione e formazione. Il festeggiamento dei vent'anni dalla fondazione è dedicato alla memoria della passione educativa e del desiderio di accoglienza che hanno animato i fondatori del progetto Novella Scardovi e il marito Giuliano; furono loro, sin dai primi anni ‘90, ad ospitare ragazze in difficoltà nell’appartamento di Castelbolognese dove vivevano con i tre figli. Quell’esperienza di condivisione è poi sfociata nella casa d’accoglienza “San Giuseppe e Santa Rita” di Castelbolognese, inaugurata il 17 marzo 1996 e dalla quale sono nate in seguito altre strutture (in tutto 6).

L’incontro pubblico - In occasione dell'anniversario, Casa Novella (il nome con cui viene identificata l’intera opera) organizza per mercoledì alle 20.45 al Cinema Sarti di Faenza (via Scaletta 10) un incontro aperto al pubblico dal titolo “Ogni pietra ha un nome”, un dialogo a più voci a 20 anni dalla nascita della Casa d’Accoglienza. Interverranno Marisa Bianchin, direttrice del Distretto Sanitario di Faenza; Francesco Biondini, presidente della cooperativa sociale Educare Insieme; Giorgio Vittadini, presidente della Fondazione per la Sussidiarietà. Modera Fabio Catani, presidente della Fondazione Novella Scardovi. L’evento ha il patrocinio dei Comuni di Faenza e Castel Bolognese.

I protagonisti - “Novella diceva sempre che ogni pietra di questa casa ha un nome perché sono le ragazze e i ragazzi accolti in questi anni ad averci insegnato l’esperienza dell’amore e della carità. - spiega Adele Tellarini, neuropsichiatra infantile e responsabile della Casa d’Accoglienza - I primi a ricevere un grande bene da questa esperienza siamo proprio noi che accogliamo”. “Tutto è iniziato nell’appartamento di Novella e Giuliano, e oggi ci troviamo con una realtà che accoglie 115 persone al giorno sia nei servizi residenziali che in quelli diurni, distinti tra l’ambito dei minori e quello della disabilità – aggiunge Francesco Biondini, presidente della Cooperativa Sociale Educare Insieme - Novella non si era inventata niente, ha provato a rispondere a un bisogno concreto, ed è quel che continuiamo a fare noi oggi, erogando servizi socio-educativi in collaborazione con gli enti pubblici”. Festeggiare i primi vent’anni di questa storia secondo Biondini significa quindi “constatare che la persona, come diceva Novella, rinasce in un incontro. Gli ospiti che accogliamo qui vengono guardati per il valore che hanno e non appena per le loro capacità o funzionalità”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’opera di Casa Novella oggi -  Dall’appartamento di Novella e Giuliano fino ai giorni nostri, di strada ne è stata fatta: l’opera Casa Novella oggi accoglie complessivamente 115 persone al giorno e ne coinvolge circa 90 tra collaboratori e volontari. Nucleo fondante è l’Associazione San Giuseppe e Santa Rita, fondata nel 1990, che attraverso i volontari sostiene le varie attività. La Cooperativa Sociale Educare Insieme, sorta nel 2001, svolge attività educative e socio-riabilitative per ragazzi e adulti con disabilità e disturbi di vario genere; nel 2005 è nata la Cooperativa Sociale Botteghe e Mestieri per favorire l’inserimento lavorativo di persone svantaggiate. Oltre alla Casa d’Accoglienza di Castel Bolognese, Casa Novella dispone di altre 5 strutture: il centro diurno Il Fienile di Castel Bolognese per offrire un aiuto scolastico ai minori in difficoltà; il centro diurno socio-occupazionale Casa Novella Laboratori di Barbiano (Cotignola) che accoglie giovani e adulti disabili; il centro di aiuto allo studio Il Battello di Castel Bolognese per i ragazzi delle scuole medie; la Casa Fabio Minguzzi di Tebano (Faenza) dove hanno sede il centro socio-riabilitativo La Maccolina, i laboratori occupazionali per ragazzi e adulti con disabilità psichiche e disturbi correlati, e il laboratorio di produzione di pasta (marchio “Pasta della Casa”) della Cooperativa Sociale Botteghe e Mestieri; infine la Casa La Pietra, situata nella sede di Castel Bolognese e dedicata all’ospitalità residenziale di madri con disagi psico-sociali insieme ai loro figli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Disperato dopo la separazione, costretto a svendere su internet anche l'aspirapolvere

  • Acquista una scultura per pochi euro e scopre di aver trovato un tesoro

  • Apre un nuovo supermercato: "Risanata un'area dismessa e investiti 5 milioni di euro"

  • Elezioni a Faenza: lo spoglio delle schede e i risultati - LA DIRETTA

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna si smarca dall'obbligo della mascherina all'aperto

  • Coronavirus, si aggiorna la lista dei contagiati: altri casi per contatti familiari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento