Cronaca

Salvini, caso della moto d'acqua: la Procura chiede l'archiviazione

Nell'atto, che porta la firma del pubblico ministero Antonio Vincenzo Bartolozzi e del procuratore capo Alessandro Mancini, si chiede di chiudere il caso per "tenuità del fatto"

La procura di Ravenna ha chiesto l'archiviazione del fascicolo sui tre poliziotti accusati di aver cercato di impedire al giornalista di Repubblica, Valerio Lo Muzio, di svolgere il proprio lavoro esercitando il diritto di cronaca, documentando l'accompagnamento del figlio dell'ex Ministro degli Interni Matteo Salvini su una moto d'acqua. Nell'atto, che porta la firma del pubblico ministero Antonio Vincenzo Bartolozzi e del procuratore capo Alessandro Mancini, si chiede di chiudere il caso per "tenuità del fatto".

L'episodio si è verificato a Milano Marittima il 30 luglio, quando il figlio del leader del Carroccio fece un giro in mare su una moto d'acqua della Polizia pilotata da un agente. Il cronista di Repubblica riprese la scena, ma venne fermato da due poliziotti della scorta dell'allora ministro dell'Interno che gli impedirono di proseguire. La Procura aveva aperto un fasciolo per "tentata violenza privata", che ha chiesto l'archiviazione perché il reato è lieve. Una richiesta alla quale i legali possono opporsi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salvini, caso della moto d'acqua: la Procura chiede l'archiviazione

RavennaToday è in caricamento