rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024
Cronaca Faenza

Pediatria faentina, il sindaco Malpezzi: "Siamo in una fase interlocutoria"

Non si fa attendere la replica del sindaco Giovanni Malpezzi alle dichiarazioni del consigliere regionale Liverani.

"Posso assicurare che la situazione della Pediatria faentina è monitorata con attenzione. Siamo in una fase interlocutoria, in attesa di ulteriori risposte da parte della Regione ai rilievi che abbiamo posto in maniera costruttiva per il ripristino della degenza ospedaliera h24. Per questo ritengo controproducente il tentativo di innescare nuove polemiche non basate su fatti concreti ma solamente sull'attacco personale e politico, quindi del tutto strumentali e gratuite". Non si fa attendere la replica del sindaco Giovanni Malpezzi alle dichiarazioni del consigliere regionale Enrico Liverani.

"Sulla Pediatria, il 22 ottobre scorso il Consiglio comunale ha discusso e approvato all'unanimità una apposita mozione, dimostrando unità di intenti da parte di tutte le forze politiche della città. In quell'occasione - prosegue il sindaco - abbiamo chiesto a chiare lettere il ripristino dei posti letto nel reparto di Pediatria e della responsabilità del pediatra sul ricovero dei bambini, possibile solo modificando la Delibera Regionale del dicembre 2011 inerente i requisiti specifici per l'accreditamento delle strutture di Pediatria".

"Allo stato attuale, pur non avendo ancora ricevuto le valutazioni definitive da parte della Giunta regionale - continua Malpezzi - mi chiedo a chi giovi rompere il fronte comune che si è creato in difesa della pediatria faentina, con dichiarazioni totalmente inventate, alla ricerca solamente di un po' di visibilità in più agli occhi dei cittadini. Mi chiedo inoltre se il Consigliere Liverani, nella carica che ricopre, è impegnato anch'esso a cercare soluzioni costruttive, come dimostrato dal voto della Lega in Consiglio comunale alla mozione, oppure se si è candidato ad un ruolo diverso, magari quello del sabotatore. Alla ricerca di fantasiose contraddizioni fra il sottoscritto e la Consigliera Rontini, Liverani avrebbe perciò fatto prima a guardare in casa propria".

"Pur ritenendo non ottimale la soluzione organizzativa messa in atto nel frattempo dalla Ausl e cioè il ricovero dei bambini per interventi chirurgici e ortopedici nei reparti di chirurgia e ortopedia in stanze di degenza all'occorrenza dedicate ai bambini e ai genitori/accompagnatori, con specifica formazione del personale infermieristico, escludo, al momento situazioni di particolare criticità che mettano in dubbio la cura e l'attenzione professionale nei confronti dei pazienti più piccoli accolti nel nostro Ospedale. Detto ciò – conclude il sindaco – continueremo a lavorare in pieno accordo con i rappresentanti istituzionali del territorio per salvaguardare non solo la pediatria, ma tutto il sistema sanitario del comprensorio faentino".

LA CONTROREPLICA - Il consigliere regionale della Lega Nord respinge al mittente le accuse del sindaco Malpezzi, di “innescare polemiche”, in merito alla pediatria faentina. "Perché il problema esiste ed è tutto «in capo al Pd – spiega Liverani – che governa a livello locale e regionale. Il sindaco Malpezzi farebbe bene a prendere la cornetta e contattare l’assessore regionale alla sanità, Sergio Venturi, oppure il suo interlocutore Rontini: sono loro la maggioranza e devono occuparsi di risolvere i problemi. Se non ci riescono, vadano a casa, ma di certo la colpa non è della Lega, visto che il sindaco ha disatteso una mozione votata all'unanimità e in favore della difesa del servizio pediatrico faentino. La verità è che il servizio rischia la dismissione".

"Un bambino che arriva al Pronto soccorso, oggi, rischia la dimissione o il trasferimento a Ravenna, perché non può essere trattenuto per più di 36 ore. E parliamo di un servizio che serve anche le valli del Senio e del Lamore (con un bacino di 100mila abitanti). Il Partito Democratico e la sua consigliera regionale, Rontini, avevano assicurato sul fatto che il servizio sarebbe stato difeso, ma come sempre hanno fatto marcia indietro. Ne rispondano ai cittadini - attacca Liverani - perché è a loro che devono delle scuse per gli errori e le inefficienze".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pediatria faentina, il sindaco Malpezzi: "Siamo in una fase interlocutoria"

RavennaToday è in caricamento