rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Cronaca

Catene a bordo o pneumatici invernali: torna l'obbligo sulle strade statali del Ravennate

Ecco su quali strade della provincia di Ravenna sarà in vigore l'obbligo di catene a bordo o gomme termiche

Torna dal 15 novembre l'obbligo di circolare con le catene a bordo o le gomme termiche montate, sancito dalla direttiva del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, fino al 15 aprile 2022. Anche per gli automobilisti ravennati scatta dunque il momento di scegliere cosa fare con le proprie auto: se affidarsi alle catene o a dei pneumatici invernali.

Anas ricorda che a partire dal 15 novembre sarà in vigore l'obbligo sulle strade statali maggiormente esposte al rischio di precipitazioni nevose o formazione di ghiaccio, mentre sul tratto appenninico della strada statale 3 bis "Tiberina" (E45) l'obbligo è invece già in vigore dal 1° novembre tra gli svincoli di Canili (km 162,698) e Sarsina Nord (km 195,000) fino al 30 aprile. 

Cosa dicono decreto ed ordinanze

L'ultima modifica al decreto legislativo prevede che l’ente proprietario della strada, con ordinanza, possa “prescrivere che i veicoli siano muniti ovvero abbiano a bordo mezzi anti-sdrucciolevoli o pneumatici invernali idonei alla marcia su neve e su ghiaccio”. Quindi devono essere gli enti proprietari e concessionari delle strade, con apposita cartellonistica (verde in autostrada, blu in strade extraurbane e bianca in quelle urbane), ad applicare il decreto nel  periodo  invernale. Di fatto per uniformare le decisioni il periodo interessato dall’obbligo è stato ricompreso tra il 15 novembre e il 15 aprile. Le singole amministrazioni provinciali e comunali regolano attraverso ordinanze l'obbligo. E' importante sapere che in molte strade, in caso di neve o ghiaccio, anche al di fuori di queste date, subentra l'obbligo di catene a bordo o pneumatici invernali. Il consiglio è sempre quello di guardare con attenzione la cartellonistica, anche per le strade urbane. 

Le sanzioni

L’importo della sanzione amministrativa, se non viene rispettato l'obbligo, va da un minimo di 85 euro a un massimo di 338 euro. Nel caso in cui la violazione venga accertata sulle strade comunali in cui vige ordinanza locale, la sanzione va da 41 euro a 169 euro. Può inoltre essere disposto il fermo del veicolo fino alla messa in regola degli pneumatici, che se non rispettato può portare ad un'ulteriore sanzione e alla decurtazione di 3 punti dalla patente.

L'obbligo sulle strade del Ravennate

Per quanto riguarda le strade statali della provincia di Ravenna l'obbligo riguarda: la strada statale 3bis “Tiberina” (E45): da Sarsina (km 195,000) fino a Ravenna al km 250,565; la strada statale 9 “Via Emilia”: in tratti saltuari tra il km 0 a Rimini e il km 221,534 in provincia di Piacenza (confine regionale); la strada statale 16 “Adriatica” saranno interessati diversi tratti dal confine regionale in provincia di Ferrara (km 69,514) al confine regionale in provincia di Rimini (km 223,410). Inoltre il provvedimento interesserà la “Variante di Alfonsine” dal km 0 al km 8,573 e la “Variante di Argenta” dal km 0 al km 7,320; la strada statale 67 “Tosco Romagnola”: da Osteria Nuova (confine regionale al km 142,269) al km 187,890 in provincia di Forlì Cesena e dal km 195,700 al km 213,511 a Ravenna e dallo svincolo di Classe (km 217,277) al km 232,377; le strade statali 309 “Romea” dal km 0 a Ravenna al confine regionale (km 55,730) e la 309 Dir nell’intero tratto dalla zona industriale nord di Ravenna (rotatoria località Bassette) allo svincolo A14dir - SS16.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Catene a bordo o pneumatici invernali: torna l'obbligo sulle strade statali del Ravennate

RavennaToday è in caricamento