menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Causa un incidente e scappa, poi porta l'auto a demolire: scovato "pirata" della strada

Sempre una pattuglia dei vigili manfredi ha recuperato poi, martedì sera, un motoveicolo oggetto di furto al termine di un inseguimento sulla via Naviglio

Proseguono le operazioni di controllo e vigilanza sul territorio della Romagna Faentina da parte della polizia locale manfreda, sia in orario diurno che serale. Nel corso di tali attività è stato individuato un automobilista faentino, un 77enne, che poche sere fa era fuggito dopo aver provocato un incidente stradale con gravi danni ai mezzi, a causa un inversione di marcia sulla provinciale Casolana-Riolese in località Casolana, vicino alla chiesa di Campiano. L'uomo è stato individuato dalla polizia locale dell'Unione Romagna Faentina grazie a una meticolosa indagine, resa possibile solo dalla capillare conoscenza del territorio. Il veicolo è infatti stato rintracciato mentre era già stato portato da un demolitore per tentare di cancellare le tracce dell'incidente. La polizia locale aveva a disposizione solo due numeri di targa e ha setacciato tutti i carrozzieri e demolitori della zona alla ricerca del veicolo, fino a quando il colpevole è stato individuato. Nei confronti dell'uomo sono state applicate le sanzioni previste dalle norme vigenti.

Sempre una pattuglia dei vigili manfredi ha recuperato poi, martedì sera, un motoveicolo oggetto di furto al termine di un inseguimento sulla via Naviglio. I due uomini a bordo del mezzo non si erano fermati all'alt intimatogli dagli agenti, che si sono posti immediatamente all'inseguimento del mezzo. I malfattori hanno così dovuto abbandonare il veicolo fuggendo a piedi e facendo perdere le proprie tracce. Il mezzo, rubato a Imola, è stato restituito al legittimo proprietario.

Continuano poi gli interventi contro il fenomeno dei parcheggiatori abusivi, con azioni sia preventive - con la presenza costante di pattuglie nei luoghi dove tale fenomeno risulta particolarmente molesto - che repressive, con il fermo e l'identificazione dei soggetti che continuano a presentarsi non appena le pattuglie in divisa abbandonano il presidio. Gli agenti della Polizia municipale mercoledì hanno infatti identificato altri due soggetti di nazionalità nigeriana, in regola con il permesso di soggiorno, intenti a esercitare tale attività. Nei confronti dei due è stato emesso provvedimento d'allontanamento dal luogo dove sono stati sorpresi, oltre le sanzioni amministrative previste. I due uomini saranno segnalati anche all'Ufficio Stranieri della Questura di Ravenna.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento