rotate-mobile
Sabato, 18 Maggio 2024
Cronaca Faenza

Il mondo della ceramica piange la morte di Sergio Soli: "Perdiamo un maestro"

Il cordoglio del sindaco Isola per la scomparsa del ceramista, maestro di foggiatura: "Era uno dei pilastri dell’organizzazione del Mondial Tornianti"

Nella giornata di ieri è scomparso il ceramista, maestro di foggiatura, Sergio Soli. Formatosi per il triennio all’istituto ‘Ballardini’ di Faenza, Soli ha poi completato il suo percorso di studi con due anni di specializzazione in ‘foggiatura al tornio’. Dopo le prime esperienze negli studi ceramici di Panos Tsolakos e Carlo Zauli, ha poi insegnato in diversi istituti d’arte prima di arrivare alla cattedra di ‘Foggiatura e formatura’ al Ballardini, esperienza protrattasi fino al 1993. Lunghissima la lista delle collaborazioni con i ceramisti; dopo Panos e Zauli ha ‘foggiato’ anche per Ivo Sassi, Gino Geminiani e infine per Mirta Morigi con la quale ha collaborato per una decina di anni. Sergio Soli è sempre stato personaggio molto attivo in città, soprattutto nell’organizzazione e nella giuria del Mondial Tornianti, la manifestazione che porta a Faenza i migliori foggiatori del pianeta. In occasione dell’edizione 2020 di ‘Made in Italy’ l’Ente ceramica Faenza gli ha tributato un riconoscimento per l’enorme lavoro di promozione della cultura della ceramica fatto in oltre 70 anni di attività. 

Il cordoglio del sindaco di Faenza, Massimo Isola: “Con la scomparsa di Sergio perdiamo un maestro. La nostra città ha avuto una grande tradizione di foggiatori dell’argilla che purtroppo oggi a Faenza, come in tutta Europa, difficilmente trova nuove figure. I tornianti sono elementi fondamentali del processo produttivo della ceramica. Questi artigiani consentono a tante botteghe di realizzare ceramiche qualitativamente importanti. Ricordo con affetto Sergio che ho conosciuto e frequentato in diverse botteghe faentine ma anche come uno dei pilastri dell’organizzazione del Mondial Tornianti, sempre in prima fila nella giuria e a trasmettere ai concorrenti il suo sapere. Sergio era una persona mite e sempre a disposizione degli altri. Mancherà moltissimo a tutta la comunità faentina e ai tanti amici che gli volevano bene. Mi stringo al dolore della sua famiglia, alla moglie Paola e alle tre figlie”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il mondo della ceramica piange la morte di Sergio Soli: "Perdiamo un maestro"

RavennaToday è in caricamento