rotate-mobile
Martedì, 28 Maggio 2024
Cronaca Cervia

Cervia, ampliamento del cimitero: il 7 aprile il progetto in consiglio comunale

L’ampliamento del cimitero di Cervia è da tempo un esigenza confermata dalle oltre 500 richieste di edicola di famiglia o di lotto di terreno, che sono pervenute dal 1985 ad oggi all’amministrazione comunale

L’ampliamento del cimitero di Cervia è da tempo un esigenza confermata dalle oltre 500 richieste di  edicola di famiglia o di lotto di terreno, che  sono pervenute dal 1985 ad oggi all’amministrazione comunale. A seguito dell’approvazione della variante specifica al Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale, l’area che si trova a Milano Marittima, in prossimità del cimitero, compresa fra via Stazzone, via Cimabue, via G. Di Vittorio ed il canale Madonna del Pino è ora definita “zona di interesse paesaggistico - ambientale”  tranne una fascia di maggior tutela di 50 metri a ridosso del canale Madonna del pino, che è rimasta “zona di tutela naturalistica – di conservazione”  

La proposta di Programma Integrato di Intervento, in variante al PRG, finalizzato a tale ampliamento è stata pubblicata sul sito del Comune nella sezione “amministrazione trasparente” già da febbraio e sarà portata per l’adozione nel consiglio comunale del 7 aprile.
Il Piano riguarda una superficie pari a circa 72.060 mq e propone la cessione all’Amministrazione di oltre i 3/4 della Superficie Territoriale (pari a circa 54270 mq), al fine di consentire l’acquisizione delle aree necessarie all’ampliamento del cimitero urbano e alla realizzazione delle relative attrezzature, nonché l’attuazione di buona parte del corridoio verde trasversale fra il canale Madonna del Pino e viale G. Di Vittorio, prescritto dalla citata variante specifica al PTCP. Nella delibera di approvazione della variante specifica al PTCP sono riportate infatti molteplici prescrizioni e raccomandazioni inerenti i possibili interventi da attuarsi in tale area, che sono state interamente recepite nella documentazione progettuale relativa al Programma Integrato in esame.

Il restante 25% di Superficie Territoriale (pari a circa 17.790 mq) è destinato alla realizzazione di 24 nuovi lotti residenziali, a bassa densità (If medio = 0,75 mc/mq), posti in prossimità della zona residenziale esistente fra via del Giorgione, via Canova e piazzale Botticelli. La nuova zona residenziale è proposta come spazio di transizione fra il verde della pineta posta a ovest del cimitero e l’abitato di Milano Marittima. L’accessibilità carrabile al comparto è garantita da via del Giorgione, mentre si prevede un percorso ciclabile di collegamento  fra l’abitato esistente, via Stazzone e via Di Vittorio.

La proposta progettuale prevede la contestuale realizzazione di tutti gli impianti all’interno del comparto, mentre parte degli stessi dovranno essere necessariamente proseguiti lungo il tracciato della futura viabilità di accesso alle aree acquisite nell’ambito del presente Programma Integrato fino a via G. Di Vittorio. Nell’ambito delle considerevoli aree previste in cessione, i soggetti attuatori si faranno carico altresì della demolizione di alcune strutture non abitabili attualmente esistenti (proservizi, capannoni agricoli, depositi, ecc…), nonché della sistemazione dell’area da cedere senza opere, eliminando eventuali ulteriori superfetazioni e vegetazioni infestanti o in precarie condizioni vegetative.

A fronte di una quantità minima di legge di aree previste in cessione pari a 3.999 mq, nell’ambito del Programma Integrato in oggetto vengono ceduti complessivamente 54.270 metri quadrati di cui 32.462 mq di aree senza opere da destinare in parte al futuro ampliamento del cimitero e relativi spazi a verde e parcheggio pubblico; 21.808 mq di aree da cedere previa realizzazione di opere di urbanizzazione e a standard suddivisi in 2.226 mq di parcheggi pubblici, 13936 mq di verde pubblico e 5.646 di viabilità carrabile, pedonale e ciclabile; la proposta progettuale prevede infatti  la realizzazione, in aggiunta agli standard a verde e parcheggio pubblico dovuti, di una parte delle aree di sosta e a verde a servizio del Cimitero e relativa viabilità d’accesso, per una superficie complessiva pari a 2.292 mq.

Per la costruzione e successiva gestione del nuovo cimitero, il Comune di Cervia potrà avvalersi del contratto in essere con la società partecipata AZIMUT s.p.a., gestore anche dei servizi cimiteriali, che ne consente l'esecuzione con la procedura del project financing, ossia la “costruzione, finanziamento e successiva gestione complessiva dell'opera, compresi tutti gli adempimenti per la  concessione agli utenti dei manufatti di nuova costruzione”. E’ possibile pertanto avvalersi della propria società per sviluppare il necessario piano finanziario e tutte le fasi progettuali richieste dalla normativa, aggiornandone i contenuti in relazione alle esigenze e alle richieste dell’utenza nei diversi approfondimenti richiesti dal percorso del project.

In coerenza con le caratteristiche della procedura di project, le spese complessive previste nel piano economico-finanziario relative alla costruzione, manutenzione e gestione dell’ampliamento del cimitero, saranno coperte dagli introiti dei servizi cimiteriali offerti, in particolare dalle concessioni dei nuovi loculi, edicole o aree per le cappelline, i cui importi saranno definiti in funzione dei costi definiti dal piano finanziario stesso. Il Comune di Cervia, mettendo a disposizione l’area per l’intervento, permetterà di ridurre i costi di realizzazione con una conseguente significativa riduzione delle future delle tariffe delle nuove concessioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cervia, ampliamento del cimitero: il 7 aprile il progetto in consiglio comunale

RavennaToday è in caricamento