rotate-mobile
Lunedì, 30 Gennaio 2023
Cronaca Cervia

Cervia, nuova vita alla stazione: nei locali vuoti ci saranno mostre e laboratori

Parte mercoledì il progetto “Stazione aperta” per riqualificare gli spazi della stazione ferroviaria cervese. Tra le prime idee una mostra sugli aquiloni e un'esposizione fotografica

Mercoledì si terrà alla stazione ferroviaria di Cervia l’inaugurazione del progetto “Stazione aperta”, tramite il quale all’interno di alcuni locali della stazione troveranno ospitalità alcune associazioni cervesi che realizzeranno laboratori, progetti e mostre al fine di rendere vivo un luogo oggi solo di passaggio e in stato di quasi abbandono, dimenticando quanto sia stata importante nella storia della città.

Prende così forma il progetto “Stazione aperta” nella stazione di Cervia, con gli ambienti attualmente rimasti liberi dalle precedenti occupazioni, che diventano casa delle associazioni di volontariato e culturali per mostre e laboratori. Nel progetto sono coinvolte l'Associazione Culturale “Menocchio”, Cervia Volante, il Gruppo fotografico cervese, Cervia incontra l'arte.

Il progetto “Stazione aperta” ha origine da una proposta dell’allora a.d. di Ferrovie dello Stato Moretti per la valorizzazione delle stazioni il cui costo stava diventando eccessivo per la società F.S., invitando le amministrazioni locali a collaborare per rendere le stazioni luoghi sicuri e gradevoli per i passeggeri.

"All’epoca, come dipendente, oggi pensionato, e presidente di un’associazione culturale con sede a Cervia mi presi a cuore la questione e presentai un progetto alla Regione - racconta Alessandro Forni, presidente dell'associazione Menocchio di Cervia -. Dato poi che dalla Regione non ebbi risposte, presentai un  progetto adeguato alla realtà cervese al comune di Cervia".

"L’idea base è la seguente - spiega Forni - una stazione è una delle porte d’entrata di una città, è il biglietto di presentazione della città, ma anche del vettore che utilizza questo luogo. Può essere considerata una semplice “fermata” come si realizzano i nuovi scali ferroviari oppure per la loro storia e presenza fisica nel centro delle città luoghi d’incontro usufruibili dai cittadini e dai passeggeri che utilizzano i mezzi di trasporto sia in partenza che in arrivo. In modo particolare, per una città a vocazione turistica come Cervia-Milano Marittima".

Per la programmazione artistico-culturale del 2021 si è pensato di realizzare una mostra di aquiloni artistici e/o storici nella sede dell’ex edicola, mentre nell’atrio della stazione, utilizzando anche l’ampia vetrata della ex biglietteria si terranno delle mostre di fotografia.Se poi si dovesse rendere disponibile anche il locale dell’ex biglietteria si potrebbe realizzare un'altra mostra al suo interno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cervia, nuova vita alla stazione: nei locali vuoti ci saranno mostre e laboratori

RavennaToday è in caricamento