rotate-mobile
Venerdì, 21 Giugno 2024
Cronaca

Dopo 10 anni chiude la Casa del Volontariato, 90 associazioni in strada: "Impossibile restare aperti"

Una notizia che rattrista tutta la città. Il 30 giugno prossimo la Casa del volontariato di via Sansovino, dopo quasi dieci anni di attività - venti se si considera il progetto aperto nel 2003 - chiude

Una notizia che rattrista tutta la città. Il 30 giugno prossimo la Casa del volontariato di via Sansovino, dopo quasi dieci anni di attività - venti se si considera il progetto aperto nel 2003 -, chiude e le associazioni che hanno sede legale e/o sede operativa lì saranno costrette a cercare una soluzione alternativa.

Nel 2003 aprì una delle prime esperienze in Italia “Casa del Volontariato” e fu un progetto studiato e riproposto in tante altre città italiane. Nel progetto, al fianco di Per gli altri Odv (oggi Comunità Romagna Odv), la Consulta ravennate del volontariato, ente di rappresentanza di livello comunale, dal grande valore storico oltre che rappresentativo, essendo il primo coordinamento locale del volontariato fondato in Italia, negli anni ottanta.

"Purtroppo, nonostante l’impegno profuso per evitarlo, non è stato possibile trovare una soluzione atta a mantenere aperta questa importante sede - spiegano dalla Casa del volontariato - La chiusura di Via Sansovino mette in seria difficoltà circa 90 associazioni, che entro il 30 giugno dovranno trovare un’altra sede legale e un’altra sede operativa dove trasferirsi con tutta la loro documentazione. Via Sansovino è stata in tutti questi anni anche punto di riferimento per le associazioni che necessitavano di uno spazio per tenere corsi, riunioni, iniziative di vario genere. Negli anni è stato mantenuto e promosso quanto era stato dichiarato alla stampa all’atto dell’inaugurazione: “In continuità con la destinazione d’uso precedente di officina, la nuova Casa del Volontariato vuole essere soprattutto un luogo di ideazione, progettazione e realizzazione di novità utili alla città: nuovi servizi, nuovi progetti, nuove modalità di creare relazione tra le persone. Con un’attenzione particolare alle associazioni di giovani o aperte al volontariato dei giovani"".

Un progetto voluto con forza a Ravenna dal volontariato, dagli amministratori, dalla città. Comunità Romagna Odv, che ha gestito questo importante luogo dal giorno dell’inaugurazione in collaborazione con la Consulta del Volontariato del Comune di Ravenna e con il Comune di Ravenna, non è più in grado di sostenerne le spese, essendo venuto a mancare il contributo del Fondo Unico Nazionale che percepiva in virtù del suo essere Centro di Servizio del Volontariato.

"Come è noto a molti, dal 1 gennaio 2022 la funzione di Centro Servizi per il Volontariato è passata ad altro gestore (situazione ancora ad oggi sub iudice) a cui è stato trasferito il contributo - spiega la presidente di Comunità Romagna Odv Angela Gulminelli - La Casa del Volontariato, stante la situazione, avrebbe dovuto chiudere dal primo gennaio 2022. Abbiamo lottato per le associazioni convinti che si potesse trovare una soluzione atta a non ledere in nessun modo il volontariato del nostro territorio. Purtroppo, ad oggi, la Casa chiude".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo 10 anni chiude la Casa del Volontariato, 90 associazioni in strada: "Impossibile restare aperti"

RavennaToday è in caricamento