menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Chiudono banche e poste e mancano i medici di base: "Non abbandoniamo il forese e la periferia"

A chiederlo sono le organizzazioni sindacali dei pensionati Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil, che mostrano preoccupazione per il continuo impoverimento di servizi fondamentali per i cittadini

“Non abbandoniamo la periferia e il forese". A chiederlo sono le organizzazioni sindacali dei pensionati Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil, che mostrano preoccupazione per il continuo impoverimento di servizi fondamentali per i cittadini. L’ultima, in ordine di tempo, riguarda la decisione di un istituto di credito di chiudere, a partire dal 26 aprile, lo sportello al pubblico presente a Casalborsetti, mantenendo il solo servizio Atm (box per prelievi, pagamento utenze ect).

"Le località del forese sono sempre più in difficoltà per la perdita di sportelli bancari, uffici postali e anche piccoli esercizi commerciali. Per questo motivo si auspica nelle scelte future un maggior coinvolgimento delle rappresentanze locali e di chi opera sul territorio: comitati cittadini, Pro Loco, associazioni di rappresentanza e volontariato. I nostri pensionati – spiegano Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil – lamentano crescenti difficoltà per la perdita di preziosi servizi sul territorio. La mancanza di un ufficio postale, di una filiale di banca, di un forno, di una macelleria può trasformarsi in seria difficoltà per coloro che hanno un’autonomia di spostamento limitata e non possiedono parenti che possano aiutarli”.

I sindacati dei pensionati pongono all’attenzione pubblica il crescente disagio di una parte dei cittadini che, in alcuni casi, si sentono dimenticati: “Bisogna trovare rimedio a un problema che si è ancora più accentuato in questi mesi di pandemia. Spi, Fnp e Uilp chiedono di ripristinare al più presto quei canali di comunicazione e partecipazione con i cittadini per costruire e decidere insieme le soluzioni più opportune per il territorio. Troppo spesso riceviamo mail o telefonate di nostri pensionati che ci evidenziano di sentirsi abbandonati. In questo periodo di pandemia e di isolamento forzato, il problema si sta accentuando, gli anziani soffrono molto per esempio per la difficoltà o in alcuni casi per la mancanza totale di interlocuzione con il proprio medico di base. Se da un lato rappresenta un notevole passo in avanti l’introduzione della prescrizione di farmaci attraverso la ricetta dematerializzata, che permette attraverso una telefonata la possibilità di recarsi in qualsiasi farmacia per ritirare la propria terapia farmacologica, resta però un grosso problema quello delle visite. Il problema si accentua proprio nel forese, dove a seguito di pensionamenti di medici, si devono aspettare periodi anche lunghi prima dell’arrivo di una sostituzione, oppure come nel caso di San Pancrazio dove, da alcuni mesi, per incontrare il medico di medicina generale per una parte di cittadini è necessario spostarsi su Russi. Siamo di fronte a disagi che non facilitano la popolazione più anziana e che creano disagio oltre che crescente malumore. Appare necessario riprendere e rilanciare il ruolo delle case delle salute e della Medicina di prossimità”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento