Ha visto nascere Marina Romea, lascia il suo storico bar un volto noto della località balneare

La sua famiglia aveva iniziato 61 anni fa a Marina Romea, prima con un bagno, poi con un ristorante e da oltre trent'anni con un bar

Ha fatto la storia di Marina Romea quando ancora non c'erano i numerosi appartamenti dei turisti e i negozi si contavano sulle dita di una mano. Il bar gelateria "Le Pleiadi", aperto da 34 anni, l'8 dicembre chiuderà la gestione Svegli Dalfiume, per riaprire a metà marzo circa con un nuovo gestore. Su quel bancone dove si sono serviti centinaia di caffé al giorno non è passata solo la cortesia tra un barista e un cliente, sono state servite anche l'amicizia, la condivisione di eventi e la profonda certezza che quelle vetrine fossero aperte sia con la pioggia che con il sole. Per un cliente cos'è un bar se non una piacevole abitudine? Un pezzetto di atmosfera familiare al di fuori delle propria mura domestiche?

"Per noi non è stato solo un lavoro - spiega, infatti, Teresa Svegli, figlia di Cesaretta Dalfiume, vera professionista del commercio che col marito Tommaso ha iniziato 61 anni fa a Marina Romea col Bagno Pineta, poi col ristorante "Da Tommaso e Cesaretta" oggi Bocabarranca, e infine con Le Pleiadi - Altrimenti tanti sacrifici non li avremo fatti. E' stata una passione, come avere una famiglia da gestire, da accontentare e con cui condividere anche gioie e dolori. Mi sono così commossa quando alcuni giorni fa ho postato su Facebook l'annuncio della chiusura delle Pleiadi e, con mia grande sorpresa, sono stata letteralmente sommersa di commenti e telefonate, anche private, che mi hanno dato la misura dell'affetto dei clienti. Immenso, e per me piacevolissimo. Un cliente addirittura ha scritto che non poteva immaginare di arrivare per il fine settimana a Marina Romea da Bologna e trovare le serrande chiuse delle Pleiadi, per lui era come trovare la porta di casa chiusa. Ed è questo che abbiamo cercato di creare. Una casa e una famiglia".

E infatti i clienti erano molto affezionati al gelato artigianale della Cesaretta, ai biscotti fatti a mano tutte le mattine o alla pizzetta che si mangia solo lì così buona...Ma anche alle serate di beneficenza, ai concerti, all'attività culturale che il bar, con intelligenza ed eleganza, ha sempre proposto nelle caotiche serate estive. Proposte alternative molto gradite dal vasto pubblico. A gestire il bar gelateria Le Pleiadi, insieme a mamma Cesaretta ci sono stati il figlio Tommy, le figlie Teresa e Giovanna. Ma non solo loro, perché - come racconta Teresa - tante ragazze che hanno lavorato d'estate al bar, nel periodo di massimo afflusso turistico, sono diventati volti familiari per i clienti: due per tutte, Catarina e Alice.
"La bella notizia, però, - conclude Teresa - è che le luci delle Pleiadi non si spengono del tutto. Si riaccenderanno a metà marzo circa con una nuova gestione. A prenderlo sono stati dei professionisti del settore di Ravenna, molto bravi e capaci, che, sicuramente, renderanno il mitico "Le Pleiadi" ancora più bello e attuale". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento schianto frontale, grave una donna incinta: trasportata al "Bufalini" in condizioni critiche

  • Trema la terra poco dopo le 18, scossa di terremoto nel ravennate

  • Terremoto nella notte, una nuova scossa fa tremare la terra

  • Travolto da un'auto mentre va a scuola in bici: 13enne in ospedale

  • Una giovane vita spezzata troppo presto: tanta commozione ai funerali di Lorenzo Forte

  • Torna il corso per diventare balia di gattini

Torna su
RavennaToday è in caricamento