Cimitero delle navi in Piallassa: "Una bomba a orologeria per ambiente e sicurezza"

"Se la nave Berkam B. è un disastro, per completare il quadro di degrado dobbiamo ricordare che nel 2009 l’amministrazione accettava di buttare sulla sponda dell’ingresso alla Piallassa ben tre navi più grandi"

Martedì  la nave Berkam B., ormeggiata presso l’ex banchina Tozzi, si è spezzata in due affondando a prua, mentre la parte posteriore è ancora visibile. L'episodio è avvenuto nel canale Piombone, ovvero al’imboccatura della zona Piallassa di Ravenna: quanti e quali danni siano stati causati sono ancora da accertare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Se la nave Berkam B. è un disastro, per completare il quadro di degrado dobbiamo ricordare che nel 2009 l’amministrazione accettava di buttare sulla sponda dell’ingresso alla Piallassa ben tre navi più grandi del Berkam B.: Orenburggaz Prom, seguita dalla nave Vomv Gaz e poi dalla nave V. Nikolaev, tuttora arenate nella Piallassa - spiega Giancarlo Schiano, attivista di 'Call to action Ravenna' - Non serve essere veggenti per capire che la situazione ‘nel "cimitero delle navi’’ è una bomba ad orologeria sia per l’ambiente che per la sicurezza degli specchi acquei. La zona, accessibile a piedi, fa capire immediatamente il significato della parola degrado: le navi sono arenate lungo l’argine della Piallassa in posizioni incerte e le cui condizioni fanno presupporre non solo la non galleggiabilità dei mezzi, ma anche una precaria condizione strutturale degli scafi. Una in particolare è piegata e pronta a seguire la sorte del Berkam B., ormeggi di sicurezza inesistenti abbandonati a se stessi, abbandono totale della zona che si tramuta in accesso libero alle navi con atti di vandalismo e depredazione. Per completare il quadro l’ambiente è saturo di rifiuti di ogni tipo, forma e dimensione. Oggi il problema è ‘’tornato a galla’’: dove era concentrata l’attenzione delle autorità locali e competenti in materia negli anni trascorsi sin ad oggi? Come e cosa intende fare l’autorità in una zona così delicata tenendo informata la cittadinanza? Visto il precedente atteggiamento e la non curanza del problema, mi viene spontaneo supporre che non avremo concrete e tempestive risposte in merito. Guardando lo scenario attuale che indica sempre maggiori problematiche mi chiedo cosa e come pensavano di risolvere tutte le insorgenze che avrebbero causato a partire dall’eventuale inquinamento, la gestione e il loro smaltimento visto che oggi non sono facilmente raggiungibili. Una cosa è certa: più tempo passa meno tempo abbiamo per riparare o evitare altri danni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Imbocca la Classicana contromano: schianto tra due auto e un camion

  • Si tuffa nella piscina dell'hotel, poco dopo lo ritrovano morto in acqua

  • Si tuffa dagli scogli e batte la testa sul fondo: giovane grave in ospedale

  • Colpita dal muletto in retromarcia: infortunio mortale in azienda

  • Il suo corpo galleggiava in acqua: perde la vita in mare

  • Trovato senza sensi in acqua, morto un anziano turista in spiaggia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento