rotate-mobile
Martedì, 27 Settembre 2022
Cronaca

Cinema, dalla Regione 48mila euro al ravennate per festival e rassegne

La Giunta regionale ha approvato la graduatoria del bando promosso per favorire l’organizzazione e la realizzazione di manifestazioni in ambito cinematografico e audiovisivo di rilievo regionale, nazionale e internazionale

Si va dal Film Festival di Bellaria a quello di Ferrara, passando per rassegne estive come quelle di Spilamberto (Mo) e Castellarano (Re). Sono 24 i festival e 21 le rassegne dedicate a cinema e audiovisivo finanziati quest’anno dalla Regione Emilia-Romagna. La Giunta regionale ha approvato la graduatoria del bando promosso per favorire l’organizzazione e la realizzazione di manifestazioni in ambito cinematografico e audiovisivo di rilievo regionale, nazionale e internazionale.

Quest’anno si sono candidati 54 progetti (27 festival e 27 rassegne), e sono stati assegnati contributi a 45 progetti, per un totale di finanziamento di 595 mila euro (20.000 euro aggiuntivi rispetto alla dotazione inizialmente prevista di 575.000 euro). I contributi sono stati assegnati con il bando annuale, che ha messo a disposizione risorse per un massimo del 50% dei costi ammissibili: il costo totale delle manifestazioni complessivamente è di circa 3,4 milioni (2,2 milioni per i festival annuali e 1,2 circa per le rassegne). Alla provincia di Ravenna sono stati assegnati contributi per 48mila euro per un festival - la settima edizione del Soundscreen Film Festival Edizione - e due rassegne - l'edizione 2022 di Imaginaction e quella faentina di Cinemadivino.

“I festival e le rassegne sono ottime occasioni per promuovere la diffusione del linguaggio cinematografico, oltre che per perseguire lo sviluppo economico del settore - commenta l’assessore regionale alla Cultura, Mauro Felicori -. Le persone si accostano con maggiore facilità a queste manifestazioni, che creano sul territorio anche notevoli ricadute economiche positive. La Regione continuerà a sostenere con decisione le iniziative di maggiore qualità”.

Fra le azioni previste nell’ambito delle rassegne e dei festival anche l’organizzazione di momenti di formazione del pubblico, compresi quelli dedicati a bambini e ragazzi, e occasioni di confronto e approfondimento per gli operatori del settore. Diversi i criteri utilizzati dal Nucleo per la valutazione dei progetti e per l’assegnazione delle risorse, come la coerenza con gli obbiettivi previsti dall’invito, la rilevanza regionale e nazionale, la qualità della proposta progettuale, la struttura finanziaria, la struttura organizzativa, la strategia di formazione e ampliamento del pubblico, l’ampliamento dell’offerta territoriale.

Festival e rassegne

I festival annuali sono manifestazioni di rilievo regionale e nazionale, già attive sul territorio regionale, che propongono una programmazione di qualità della produzione cinematografica, anche caratterizzata da tematicità o genere, finalizzate alla formazione e all’ampliamento del pubblico attraverso una selezione di opere in concorso, con un programma articolato in almeno 3 giornate consecutive di programmazione e non meno di 10 proiezioni.

Le rassegne annuali sono manifestazioni rivolta al pubblico, nel campo cinematografico e audiovisivo, anche a carattere non periodico, caratterizzate da una programmazione di qualità, complementare alle attività di esercizio cinematografico diffuso e alle manifestazioni estive, proponenti opere audiovisive selezionate sulla base di una tematica o finalità specifica, con un periodo di programmazione saltuaria, anche non consecutiva, comprendente non meno di 10 proiezioni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cinema, dalla Regione 48mila euro al ravennate per festival e rassegne

RavennaToday è in caricamento