menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Città in lutto per la scomparsa di Carlo Simboli, pilastro del volontariato: "Aveva sempre tempo per gli altri"

Si è spento lunedì a 87 anni Carlo Simboli, ravennate "d'adozione" che ha prestato attività e volontariato in numerose associazioni della città

Si è spento lunedì a 87 anni, dopo una breve malattia, Carlo Simboli, ravennate "d'adozione" che ha prestato attività e volontariato in numerose associazioni della città. "Fu una delle prime persone che conobbi quando, molti anni fa, mi trasferii da Roma a Ravenna e mi iscrissi alla locale sede del Partito Liberale", lo ricorda l'amico Brunello Cavalli, presidente di Sbc edizioni. Simboli, infatti, era stato vicesegretario provinciale dei Liberali. "Ne era uno degli animatori, una delle presenze più costanti - prosegue l'amico - Di lui ricordo le campagne elettorali che facemmo insieme battendo i paesi della provincia in cerca di candidati e voti. Ricordo la meticolosità con cui preparava i documenti necessari, con cui gestiva gli spazi nei cartelloni per i manifesti elettorali, predisponeva l'accoglienza dei politici in visita in città. Imparai molto da lui, soprattutto un modo pulito e onesto di fare politica, che oggi si è praticamente dimenticato".

"Il mondo del volontariato lo ricorda per il grande impegno che negli ultimi vent’anni della sua vita ha dedicato alla Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna e al Centro di Servizio per il Volontariato - commentano dal centro - Come consigliere anziano della Fondazione, ha seguito numerosi progetti ed iniziative dell’ente, tra i quali va certamente ricordato il restauro del Monumento ai caduti di fronte al liceo classico. Come dirigente dell’associazione "Per gli altri" che gestisce il Centro di Servizio per il Volontariato di Ravenna è stato una presenza costante nell’associazione che associa e rappresenta tutte realtà del volontariato della provincia. Aveva sempre tempo e parole di incoraggiamento per le nuove associazioni. Aiutava e incoraggiava i giovani ad avvicinarsi all’impegno gratuito per la solidarietà. Nel suo ruolo di dirigente associativo, Carlo si è battuto con forza per l’indipendenza del volontariato, per l’unitarietà nella rappresentanza e soprattutto per la trasparenza. Proprio alla sua ostinazione sul tema della trasparenza dobbiamo il Codice etico del Csv di Ravenna, documento che dal 2010 vincola l’attività di amministratori e dipendenti del centro e che ha contributo in maniera determinante al conseguimento dei risultati acquisiti dall’ente ravennate. Un incontro quindi fortunato, quello tra Carlo Simboli e il mondo del volontariato, che ha prodotto risultati importanti in termini di servizi e progetti per la solidarietà, a tutto vantaggio degli ultimi, dei meno fortunati".

"Da sempre impegnato nella pratica dei valori della solidarietà e collaborazione - lo ricordano le consulte del volontariato di tutta la provincia - Esempio e testimonianza di saggezza, lealtà, e onestà. Interprete della mission del volontariato nel suo più alto valore. Ci mancherà". I funerali si svolgeranno mercoledì alle 10.30 nella sala del commiato del cimitero di Ravenna.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Occhi al cielo per ammirare la Superluna "rosa" di aprile

Cronaca

A Lido di Dante spuntano i nuovi "murales" dedicati al Sommo Poeta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento