rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca Cervia

Classi pollaio, i genitori tirano un sospiro di sollievo: aggiunta una classe prima a scuola

Il Dirigente scolastico dell’Istituto comprensivo Cervia IC3 Paolo Taroni ha comunicato ufficialmente all’Amministrazione comunale che sono stati creati quattro gruppi di apprendimento nelle prime, invece delle attuali tre classi.

I genitori possono tirare un sospiro di sollievo. Mercoledì mattina il Dirigente scolastico dell’Istituto comprensivo Cervia IC3 Paolo Taroni ha comunicato ufficialmente all’Amministrazione comunale che sono stati creati quattro gruppi di apprendimento nelle prime, invece delle attuali tre classi. Partiti dalla situazione iniziale in cui i dati delle 80 iscrizioni, in base alla normativa vigente, prevedono 3 classi di 26/27 alunni ciascuna, si è riusciti a distribuire gli iscritti in 4 gruppi di apprendimento, utilizzando l’organico potenziato. In questo modo, gli alunni sono stati suddivisi in quattro gruppi-classe di numerosità contenuta, riuscendo tra l’altro a soddisfare anche gran parte delle richieste di tempo scuola (5 o 6 giorni a settimana). Si sono creati due gruppi di seconda lingua spagnolo, uno di francese e uno di tedesco. Poiché i criteri di assegnazione dei docenti alle classi stabiliscono, tra l’altro, che ci sia una equa distribuzione di docenti di ruolo e docenti non di ruolo. I quattro gruppi avranno Consigli di classe equilibrati, tenendo anche conto che le classi terze in uscita erano cinque.

Il Dirigente scolastico Taroni ha dichiarato: “L’attuale situazione di emergenza sanitaria, unita alla presenza di spazi piuttosto ridotti all’interno della sede della scuola secondaria (con aule idonee per circa 20-22 alunni), ha evidenziato, già nel precedente anno scolastico, una enorme difficoltà a mantenere il distanziamento sociale richiesto, e a soluzioni didattiche poco efficaci. La realizzazione di questo progetto, pertanto, permette un utilizzo proficuo e ottimale, per la didattica, delle risorse dell’organico potenziato. Eventuali risorse aggiuntive che dovessero risultare disponibili grazie all’organico ex-Covid (risorse umane per il potenziamento degli apprendimenti e l’avvio in sicurezza) sarà utilizzato per le attività progettuali e di integrazione didattica, potenziamento degli apprendimenti, svolte in precedenza anche dai docenti dell’organico potenziato. Non potranno, comunque, essere accolti alunni provenienti da altre scuole eccedenti il numero di 81, corrispondente alla creazione, in organico di diritto, di tre classi prime”.

Il Sindaco Massimo Medri e l’Assessore alla scuola Cesare Zavatta hanno aggiunto: “Siamo soddisfatti di questo risultato, perché non era possibile, al di là delle normative, avere una situazione così problematica con questa penalizzazione, visti anche i periodi. Fin da subito abbiamo lavorato per evitare assolutamente la presenza di classi eccessivamente numerose, al fine di tutelare il diritto allo studio ed all'apprendimento degli alunni, il diritto all'inclusione degli studenti più fragili, il rigoroso rispetto delle norme anti-covid. Ci auguriamo che questa soluzione venga mantenuta anche per i prossimi anni. È stata un'azione politica e tecnica congiunta. A livello locale abbiamo superato un problema che esiste a livello nazionale, a causa di una legge del 2009 ormai obsoleta. Ringraziamo i Dirigenti scolastici, i Direttori degli Uffici scolastici provinciale e regionale, il Consiglio d’Istituto, le famiglie per questo risultato ottenuto con l’impegno di tutti”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Classi pollaio, i genitori tirano un sospiro di sollievo: aggiunta una classe prima a scuola

RavennaToday è in caricamento