Scoperto dal proprietario della bici rubata, arrestato pusher ciclista

Un 38enne originario del Marocco, clandestino, con le dosi di cocaina addosso pedalava tranquillamente per il centro in sella ad una bicicletta rubata. Aveva droga nascosta dappertutto

Un 38enne originario del Marocco, clandestino, con le dosi di cocaina addosso pedalava tranquillamente per il centro in sella ad una bicicletta rubata. Non aveva considerato però il più classico degli imprevisti: il proprietario di quella bicicletta, molto appariscente in quanto di colore arancione, rubata appena qualche giorno prima, se l’è vista passare davanti con in sella lo sconosciuto.

E' accaduto in via Laghi. In pochi minuti un equipaggio del nucleo operativo e radiomobile ha dei carabinieri di Faenza intercettato la bicicletta condotta da uno straniero che è risultato essere un 38enne originario del Marocco non in regola con il permesso di soggiorno. Ai militari dell’arma, l’uomo ha detto di aver trovato la bici poco prima abbandonata poco lontano e di averla recuperata. I carabinieri non solo non gli hanno creduto ma hanno anche notato in lui un eccessivo nervosismo e lo hanno perquisito.

Ed è così che il 38enne ha cercato di disfarsi di una dose di hashish lasciandola cadere per terra, poi vistosi scoperto ha detto che quella era l’unica droga in suo possesso. In caserma però, dopo una più approfondita perquisizione, all’interno della scarpa sinistra aveva due dosi di cocaina del peso complessivo di circa 5 grammi, nella tasca interna del giubbotto aveva altre due dosi più piccole di cocaina da mezzo grammo ciascuna ed ancora, nell’altra scarpa, aveva due grammi di hashish. Infine, aveva con sé quasi 500 euro in banconote.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La droga è stata sequestrata insieme al denaro che è stato ritenuto profitto dell’attività di spaccio visto che il 38enne non ha saputo giustificare come lo avesse guadagnato, la bicicletta invece è stata restituita al proprietario. Il “pusher” è stato arrestato in flagranza per “detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti” e “ricettazione”, provvedimento avallato dal pm Monica Gargiulo della Procura della Repubblica di Ravenna, che ha disposto di trattenerlo per la notte in camera di sicurezza. Giovedì mattina l’arresto è stato convalidato davanti al giudice Monica Zavatti ed il 38enne ha patteggiato quattro mesi di reclusione, pena sospesa. Dopo la sentenza è stato rimesso in libertà.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, un altro studente positivo a scuola: classe in quarantena

  • Si parte in anticipo coi vaccini antinfluenzali: gratis sopra i 60 anni

  • Disperato dopo la separazione, costretto a svendere su internet anche l'aspirapolvere

  • Apre un nuovo supermercato: "Risanata un'area dismessa e investiti 5 milioni di euro"

  • Il coronavirus fa un'altra vittima. "Mascherina sulla bocca e testa sulle spalle"

  • Elezioni a Faenza: lo spoglio delle schede e i risultati - LA DIRETTA

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento