menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Con il monologo 'L'attesa' gli studenti ricordano il Risorgimento

La mattinata è proseguita con l’intervento della docente Fulvia Missiroli sul ruolo delle donne nel Risorgimento, per concludersi con l’esibizione della violinista Giulia Foschini

Sabato al Palazzo dei congressi la fondazione Museo del Risorgimento ha presentato a un pubblico di oltre 170 studenti delle scuole superiori ravennati, oltre che di cittadini, il monologo “L’attesa”, scritto e interpretato da Valeria Magrini, a 170 anni dalla Trafila garibaldina e dalla morte di Anita. La mattinata è proseguita con l’intervento della docente Fulvia Missiroli sul ruolo delle donne nel Risorgimento, per concludersi con l’esibizione della violinista Giulia Foschini.

Secondo Eugenio Fusignani, vicesindaco e presidente della fondazione Museo del Risorgimento, “con l’evento di sabato mattina si conferma ancora una volta la centralità di Ravenna e della fondazione Museo del Risorgimento nell’opera di divulgazione della memoria del Risorgimento, di cui è una delle capitali italiane, rivolta ai più giovani. Tra i nostri obiettivi anche quello di rafforzare la collaborazione con le scuole, attraverso l’Ufficio scolastico territoriale, per costruire insieme progetti volti alla conoscenza, allo studio e alla divulgazione del periodo risorgimentale. Come presidente della Fondazione Museo del Risorgimento, organizzatrice dell'evento didattico e divulgativo, desidero ringraziare Claudia Foschini e Giovanni Fanti, tutti i dirigenti scolastici, gli insegnanti e gli alunni che hanno partecipato e, soprattutto, Valeria Magrini, Fulvia Missiroli e Giulia Foschini per averci fornito una straordinaria occasione di conoscenza, riflessione e approfondimento”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il gioco da tavolo dell'Inferno di Dante approda a Ravenna

Salute

Cos'è e come si misura l'Indice di Massa Corporea?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento