Cronaca

Con il risotto a chilometro zero ispirato alla "Fira" lo chef di Russi conquista l'Italia

Allo chef è stato consegnato il “Chicco dell’Energia”, un grande premio per l’uso efficiente della cucina e la scelta di prodotti a chilometro zero

Il 2 ottobre si è tenuta a Isola della Scala, in provincia di Verona, la 27esima edizione del "Chicco D’Oro", un concorso nazionale in cui chef da tutta Italia si contendono i premi della giuria per il miglior risotto. Venti chef selezionati si sono sfidati a colpi di prodotti IGP e DOP della propria regione di appartenenza, riproponendoli in chiave moderna con accostamenti audaci, impiattamenti scenografici e sapori armonici.

Quest’anno anche lo Chef di Delithia Sebastiano Siano ha partecipato all’evento, portando un risotto ispirato a Russi: riso “Vialone Nano” veronese, Parmigiano Reggiano DOP, Bèl e Còt di Russi, spuma di patate di Bologna IGP e riduzione di Canèna Nova della Tenuta Uccellina. Proprio allo chef russiano è stato consegnato il prestigioso premio “Chicco dell’Energia” da Manlio Costantini, amministratore delegato di Europe Energy, main sponsor della Fiera e del concorso: si tratta di un grande premio per l’uso efficiente della cucina e la scelta di prodotti a chilometro zero. Sebastiano Siano si riconferma un'eccellenza: responsabile della cucina e della gastronomia della boutique di Russi, già a febbraio di quest’anno aveva vinto una medaglia d’oro nei Campionati della Cucina Italiana, prendendosi il primo posto nella categoria “Mistery Box”. Lo chef si è fatto ispirare dalla "Fira di Sett Dulur" e ha voluto mantenere tutti i sapori autentici della fiera russiana unendoli e amalgamandoli in un risotto stellare, che ha fatto conoscere e apprezzare anche in Veneto i nostri fantastici prodotti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Con il risotto a chilometro zero ispirato alla "Fira" lo chef di Russi conquista l'Italia

RavennaToday è in caricamento