Cronaca

Con le botte obbligava i figli a rubare, condannato a sei anni

L'uomo, un 41enne della provincia di Taranto, era in carcere da metà novembre, da quando la Squadra Mobile lo aveva arrestato su ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip Antonella Guidomei

Con le botte costringeva i figlioletti a rubare i bagnanti. L'uomo, un 41enne della provincia di Taranto in carcere da metà novembre, da quando la Squadra Mobile lo aveva trovato a casa della compagna e arrestato su ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip Antonella Guidomei dopo la richiesta della Procura per maltrattamenti in famiglia, lesioni aggravate, furto aggravato e induzione a delinquere di minorenni, è stato condannato a sei anni.

La decisione è stata presa dal giudice monocratico Francesca Zavaglia. L'imputato dovrà pagare 80mila euro di risarcimenti ai tre figli, i quali come curatrice speciale hanno la dirigente dei Servizi Sociali di Cervia. Le indagini, coordinate dal pm Roberto Ceroni, avevano consentito di appurare come i tre minorenni erano stati costretti a compiere furti dall'estate 2010 a metà del 2011. Secondo l'imputato i furti sarebbero stati commessi dai piccoli di loro volontà e in concorso con altri minorenni della zona


Per il pugliese la Procura di Ravenna aveva chiesto una condanna di otto anni e otto mesi di reclusione. Nella vicenda è indagata anche la compagna dell'uomo, madre dei tre, per maltrattamenti in concorso. La donna ha già scelto di essere giudicata per rito abbreviato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Con le botte obbligava i figli a rubare, condannato a sei anni

RavennaToday è in caricamento