Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca Castel Bolognese

"Condotta antisindacale": cooperativa condannata al risarcimento della lavoratrice

Il Tribunale di Ravenna ha condannato la cooperativa faentina al risarcimento del danno provocato in seguito al licenziamento intimato alla delegata della Flai Cgil dello stabilimento di Castel Bolognese

Nella giornata di martedì il Tribunale di Ravenna ha condannato una storica cooperativa faentina, al risarcimento del danno provocato in seguito al licenziamento intimato nel novembre 2015 alla delegata della Flai Cgil dello stabilimento di Castel Bolognese e per il quale il sindacato era ricorso alle vie legali, ottenendo l'immediato reintegro della lavoratrice nel suo posto di lavoro, dopo che lo stesso Tribunale ne aveva riconosciuto l'illegittimità a causa di "un'accertata condotta antisindacale".

“Questo pronunciamento del Tribunale di Ravenna rende ulteriormente giustizia alla lavoratrice che, a seguito di un comportamento antisindacale dell'azienda, è stata costretta a rimanere per diversi mesi senza stipendio e senza lavoro - commenta Raffaele Vicidomini, segretario generale della Flai Cgil di Ravenna - Un altro elemento di soddisfazione è vedere riconosciuto il diritto di risarcimento del danno, ai sensi dell'articolo 18 dello statuto dei lavoratori, anche a una lavoratrice avventizia agricola, equiparandola così a un lavoratore a tempo indeterminato. Resta l'amarezza di constatare come, nonostante i due precedenti pronunciamenti del Tribunale di Ravenna e i nostri sforzi per ripristinare corrette relazioni sindacali, si sia dovuti ricorrere nuovamente alle vie legali per farsi riconoscere un diritto".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Condotta antisindacale": cooperativa condannata al risarcimento della lavoratrice

RavennaToday è in caricamento