menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Consegnata al sindaco una copia “deluxe” dei Sonetti romagnoli di Olindo Guerrini

L'opera, curata dal professor Renzo Cremante, è stata donata al sindaco da Marna Ortolani dell’associazione “Amici di Olindo Guerrini”

Nei giorni scorsi la consigliera dell’Associazione “Amici di Olindo Guerrini”, Marna Ortolani, ha incontrato il sindaco di Ravenna Michele De Pascale, facendogli dono di una copia della recente edizione critica dei “Sonetti romagnoli” nell’edizione “deluxe” con la sovracopertina cartonata con grafica originale, opera di Filippo Giaconi (un’edizione di cui sono state “tirate” solo 200 copie).

L’opera coordinata e curata dal professor Renzo Cremante (con la preziosa collaborazione di Carlotta Sgubbi, Franco Gabici e Giuseppe Bellosi) può davvero essere considerata un’edizione definitiva dei sonetti di Guerrini, che precedentemente erano stati pubblicati – fin dall’edizione iniziale del 1921 – solo nel testo originale in dialetto romagnolo, mentre in questa edizione vedono sia la traduzione che un ricchissimo apparato critico.

De Pascale ha ringraziato per l’omaggio, congratulandosi con l’Associazione (che aveva l’idea di quest’opera come obiettivo primario fin dall’anno del centenario della morte di Guerrini, nel 2016) e promettendo di fare il possibile per partecipare alla presentazione ufficiale del volume, che verrà calendarizzata non appena le condizioni sanitarie lo permetteranno.

L’Associazione ha anche sottolineato la volontà di collegare i successivi momenti di presentazione del libro alle celebrazioni per il settecentesimo dantesco, considerato lo strettissimo rapporto che Guerrini – letterato di grande spessore, a lungo direttore della Biblioteca Universitaria di Bologna – ebbe con la Divina Commedia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sotterrata nel giardino della scuola una "capsula del tempo": verrà aperta nel 2070

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento