Cervia, rinnovate le cariche della Consulta del Volontariato

La Consulta Comunale del Volontariato costituisce un momento istituzionale di incontro e di libero confronto tra l’Ente Locale e gli organismi di volontariato presenti nel territorio

Lunedì 21 marzo alla presenza dell’assessore ai rapporti con il Volontariato, Gianni Grandu, si sono svolte in Municipio le elezioni per il rinnovo delle cariche della Consulta del Volontariato del Comune di Cervia, alla quale sono iscritte 18. associazioni cittadine. All’assemblea hanno partecipato 17 delle 18  associazioni iscritte, 16 presenti e 1 per delega. Con 15 voti è stato riconfermato presidente Oriano Zamagna. Vicepresidenti sono stati eletti Gianpaolo Maroncelli (13 voti) e Silvana Manzitti (10 voti), mentre tesoriere, con 16 voti, è risultato Oscar Turroni.

"Nel corso dell’assemblea – dichiara Zamagna – in questi anni sono stati portati avanti progetti importanti e ottenuti buoni risultati ma ora è anche necessario rinnovarsi con le forze che porterebbero possibilità di nuove idee e collaborazioni. Occorre verificare la possibilità di allargare ad altre associazioni la partecipazione alla consulta. Ringrazio i consiglieri che lasciano la carica e auguro un buon lavoro ai nuovi". L’assessore Gianni Grandu nell’augurare un buon lavoro al nuovo direttivo sottolinea che "la Consulta del Volontariato è divenuta un punto di riferimento determinante per tutte le associazioni che vi fanno parte per la gestione e l’organizzazione delle attività soprattutto in vista della realizzazione della Casa del Volontariato che diventerà un centro polivalente da mettere a disposizione delle associazioni iscritte alla Consulta di Cervia, per promuovere, incoraggiare e sostenere il volontariato".

La Consulta del Volontariato è stata istituita dall’Amministrazione comunale di Cervia, ai sensi dell’art. 6 del Regolamento Comunale sulle Libere Forme Associative, con lo scopo di riconoscere e valorizzare la funzione sociale dell’attività di volontariato come espressione di partecipazione, solidarietà e pluralismo. La Consulta Comunale del Volontariato costituisce un momento istituzionale di incontro e di libero confronto tra l’ente locale e gli organismi di volontariato presenti nel territorio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Attraverso la Consulta, l’amministrazione comunale intende promuovere l’autonomo sviluppo delle associazioni di volontariato e favorirne l’originale apporto alle iniziative che rivestono finalità significative nel campo sociale, sanitario, ambientale, culturale e della solidarietà civile per affermare il valore della vita quale bene inalienabile ed indisponibile, migliorarne la qualità e per contrastare l’emarginazione e affermare compiutamente i valori espressi nei principi fondamentali della Costituzione Italiana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sui binari: studente minorenne perde la vita

  • Primi due studenti positivi al Coronavirus in due scuole ravennati

  • Coronavirus, un altro studente positivo a scuola: classe in quarantena

  • Si parte in anticipo coi vaccini antinfluenzali: gratis sopra i 60 anni

  • Il coronavirus fa un'altra vittima. "Mascherina sulla bocca e testa sulle spalle"

  • Elezioni a Faenza: lo spoglio delle schede e i risultati - LA DIRETTA

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento