rotate-mobile
Cronaca Faenza

Ruba oltre un quintale di mele da un frutteto, incastrato dalle "fototrappole"

In due giorni sono stati messi in strada 43 equipaggi che si sono avvicendati senza soluzione di continuità garantendo una massiccia presenza di carabinieri in tutto il faentino con finalità non solo di prevenzione ma anche di intercettazione e controllo di persone e mezzi.

La compagnia carabinieri di Faenza nel corso dell’ultimo week end ha intensificando i servizi di controllo del territorio presidiando le principali arterie stradali per contrastare furti e lo spaccio. In due giorni sono stati messi in strada 43 equipaggi che si sono avvicendati senza soluzione di continuità garantendo una massiccia presenza di carabinieri in tutto il faentino con finalità non solo di prevenzione ma anche di intercettazione e controllo di persone e mezzi. In totale gli automezzi controllati sono stati 138 e le persone 210.

I carabinieri del nucleo operativo e radiomobile nell’ambito di servizi antidegrado presso i parchi pubblici, hanno sorpreso nei pressi del parco “Tassinari” in centro a Faenza un 21enne originario del Marocco in possesso di circa dieci grammi di hashish destinati allo spaccio inoltre presso la sua abitazione sono stati rinvenuti altri tre grammi della medesima sostanza ed un bilancino di precisione nonché un telefonino “iphone 4s” di provenienza illecita. E' stato denunciato per detenzione illecita di stupefacente ai fini di spaccio e ricettazione.

Un altro equipaggio del nucleo operativo e radiomobile di Faenza, transitando nei pressi del cimitero dell’Osservanza di via Marconi ha notato un’autovettura con due individui a bordo che si dirigeva verso il cancello d’ingresso posteriore, in zona defilata e poco illuminata. Non escludendo che quell’autovettura fosse riconducibile ai “predoni” di rame che spesso prendono di mira i cimiteri, l’equipaggio operante senza farsi notare è rimasto in osservazione per alcuni minuti dopodichè è intervenuto identificando un 20enne alla guida ed un 29enne di fianco, entrambi di Marradi, noti alle forze dell’ordine. A nulla è servito l’ostruzionismo e la resistenza del conducente che si è ribellato al controllo dei carabinieri per impedire il rinvenimento di circa 6 grammi di marijuana che aveva occultato negli slip. Il 20enne oltre alla segnalazione al prefetto per uso personale di droghe, è stato deferito in stato di libertà per “resistenza a pubblico ufficiale” inoltre si è anche rifiutato di sottoporsi agli accertamenti sanitari tesi a verificare l’eventuale assunzione di stupefacenti pertanto come previsto dalle normativa vigente gli è stata subito ritirata la patente di guida ed è stato denunciato in stato di libertà.       

I carabinieri di Castel Bolognese hanno denunciato in stato di libertà per “furto aggravato” un albanese 42enne già coinvolto in vicende di natura penale che si è impossessato di circa un quintale di mele dagli alberi da frutta coltivati in un podere sito in quella via Alberazzo, proprietà di un’azienda agricola del luogo. i militari dell’arma hanno individuato il responsabile dei furti avvalendosi anche delle immagini estrapolate dalle “fototrappole” che erano state installate dal proprietario del podere e che sono state utilizzate come fonte di prova per giungere all’identificazione del colpevole.

Sabato mattina a Faenza, in piazza della Libertà, i carabinieri hanno rintracciato una 16enne rumena che dal mese di febbraio 2014 si era allontanata da una comunità di accoglienza di Bologna senza farvi più ritorno. La giovane alla vista della gazzella si era diretta a passo spedito verso il duomo ove era entrata voltandosi più volte. quell’atteggiamento non era sfuggito alla vista dell’equipaggio che entrato in duomo ha trovato la ragazza che si era accucciata nel tentativo di non farsi vedere. Dopo averla identificata è stata accompagnata in caserma e riaffidata alla comunità da cui si era allontanata.

I carabinieri di Solarolo hanno denunciato in stato di libertà per “guida in stato di ebbrezza” un 31enne nigeriano abitante ad Imola che sulla via Emilia Levante a Castel Bolognese è stato sorpreso alla guida di una renault “Clio” con tasso alcolemico pari a 2,57 g/l. pertanto gli è stata immediatamente ritirata la patente di guida e sequestrato il veicolo. Lungo la via Emilia Ponente dove si trovava un altro equipaggio, è stato fermato e denunciato in stato di libertà un 43enne di riolo terme sorpreso alla guida di una fiat punto con tasso alcolemico pari a 1,79 g/l con patente subito ritirata.

Inoltre dalla tarda serata di domenica 16 un dispositivo di mezzi dell’arma con i lampeggianti accesi si è dedicato alla vigilanza dinamica della zona industriale compresa fra le via proventa, mengolina e san silvestro tenuto conto di precedenti furti ai danni di aziende ed attività commerciali ubicate in quella zona commessi negli ultimi tempi proprio nel corso delle notti fra domenica e lunedi. La particolare attività di prevenzione ha sortito gli effetti sperati visto che questa mattina alla riapertura delle attività. non sono giunte segnalazione di furti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ruba oltre un quintale di mele da un frutteto, incastrato dalle "fototrappole"

RavennaToday è in caricamento