Controlli contro il falso biologico: sequestri del reparto speciale dell'Arma anche nel ravennate

"I suddetti controlli - spiegano dal reparto speciale dei Carabinieri -. hanno una doppia finalità quella di tutelare gli onesti produttori e di garantire che sulle tavole degli italiani arrivi solo cibo sicuro"

I Carabinieri per la Tutela Agroalimentare sono stati impegnati in una serie di controlli nella delicata filiera del biologico. In particolare sono state effettuate verifiche in 45 aziende al fine di arginare il fenomeno del falso bio. Nelle province di Ravenna e Reggio Emilia, sono state sequestrate 63 confezioni di frutta secca ed erbe aromatiche dichiarate bio e 22 fra baccalà, sardine e alici biologiche, riportanti indicazioni difformi alle norme di specie. Oltre ai sequestri sono state elevate delle sanzioni amministrative. "I suddetti controlli - spiegano dal reparto speciale dei Carabinieri -. hanno una doppia finalità quella di tutelare gli onesti produttori e di garantire che sulle tavole degli italiani arrivi solo cibo sicuro a testimonianza dell’indefessa attività dell’Arma in ambito agroalimentare".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, gli ultimi aggiornamenti: nessun caso in Romagna, 17 in Emilia

  • Tutta la comunità di Classe in lutto: dopo una lunga malattia è morto Andrea Panzavolta

  • Coronavirus, ufficiale: asili nido, scuole, università e manifestazioni sospesi fino al 1° marzo in Emilia-Romagna

  • Scossa di terremoto nel pomeriggio di domenica, il sisma avvertito distintamente nel ravennate

  • Coronavirus, gli ultimi aggiornamenti: nel riminese il primo caso in Romagna

  • Proroga della chiusura delle scuole? In Regione ci stanno pensando. L'assessore alla Sanità: "E' probabile"

Torna su
RavennaToday è in caricamento