menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Controlli in stazione: denunciato un immigrato irregolare

Il giovane era gravato da diversi precedenti per reati contro il patrimonio in conseguenza dei quali, fino all’ottobre del 2017, era stato ristretto agli arresti domiciliari

La Polizia di Ravenna ha denunciato un 21enne senegalese per il reato di false dichiarazioni sulla propria identità personale. Nel pomeriggio di domenica, nel corso degli ordinari servizi di controllo e vigilanza dello scalo ferroviario, la Polizia Ferroviaria ha proceduto al controllo dei viaggiatori in partenza per Rimini, presenti ai binari della stazione. Nella circostanza la Polfer ha identificato alcuni giovani, risultati poi in regola, mentre uno di questi, che ha dato a voce le proprie generalità dichiarandosi privo di documenti, è stato accompagnato in ufficio per gli accertamenti del caso.

Dagli approfondimenti effettuati dagli agenti è emerso che il nominativo dichiarato dal giovane risultava assolutamente sconosciuto a tutte le banche dati delle Forze di Polizia. Gli ulteriori accertamenti eseguiti nell'abitazione del giovane hanno permesso di accertare che le sue esatte generalità erano ben altre e che lo stesso era gravato da diversi precedenti per reati contro il patrimonio in conseguenza dei quali, fino all’ottobre del 2017, era stato ristretto agli arresti domiciliari. È emerso anche che l’Ufficio Immigrazione della Questura, nel novembre 2017, aveva notificato nei suoi confronti il rifiuto del rinnovo del permesso di soggiorno. In conseguenza di quanto emerso, gli agenti della Polfer hanno denunciato a piede libero il 21enne per false dichiarazioni sull'identità personale e violazione delle norme sul soggiorno degli stranieri in Italia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Dall'Antica Roma al terzo millennio: il mito eterno dei Lom a Merz

Arredare

Una casa di tendenza con i colori pantone del 2021

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento