rotate-mobile
Mercoledì, 21 Febbraio 2024
Cronaca

Venditori di rose, artisti di strada e abusivi nel mirino: fioccano le multe

Altre violazioni sono emerse durante l’ordinaria attività di controllo sul rispetto della normativa in materia commerciale per l’esercente di un pubblico esercizio del centro, che occupava un’area superiore di circa 20 metri quadrati a quella prevista dall’autorizzazione

Prosegue l’impegno della Polizia Municipale di Ravenna per contrastare il fenomeno dell’abusivismo commerciale. Idiversi controlli espletati nei giorni scorsi, in particolare nel centro storico e nelle attigue piazze, da parte degli agenti dell’Ufficio Polizia Commerciale e Tutela del Consumatore, hanno permesso di “sventare” l’esercizio abusivo della vendita in varie zone della città.

In via Dante e Da Polenta, in orari e giornate diverse, è stata rinvenuta merce abbandonata da extracomunitari che, alla vista delle divise, si davano alla fuga; altro materiale è stato recuperato in via Dei Bersaglieri nel corso di verifiche svolte dalle pattuglie in area mercato. Durante un intervento effettuato alla Basilica di S. Apollinare in Classe è stato multato un 35enne senegalese, con contestuale sequestro degli oggetti illegalmente detenuti.

Altre violazioni sono emerse durante l’ordinaria attività di controllo sul rispetto della normativa in materia commerciale per l’esercente di un pubblico esercizio del centro, che occupava un’area superiore di circa 20 metri quadrati a quella prevista dall’autorizzazione. In piazza Kennedy è scattato un verbale di circa 1.000 euro nei confronti di un ambulante napoletano che vendeva piante e fiori, violando una specifica delibera del Consiglio Comunale. Sono inoltre stati contestati i provvedimenti amministrativi previsti al titolare di un bar che effettuava musica in assenza della certificazione di impatto acustico e ad un artista di strada che suonava in via Cavour, sebbene vietato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Venditori di rose, artisti di strada e abusivi nel mirino: fioccano le multe

RavennaToday è in caricamento