Fiori abusivi: nei guai finiscono due ambulanti stranieri

Si tratta di un 24enne rumeno, domiciliato a Ravenna, di due cittadini di nazionalità marocchina di 27 e 33 anni, il primo senza fissa dimora l'altro residente nel faentino e di un 48enne tunisino

Quattro persone sono state denunciate nei giorni scorsi dalla Polizia Municipale di Ravenna, per vari reati che vanno dall'omessa custodia del veicolo alla mancanza dei documenti identificativi, in violazione alla specifica normativa sull'immigrazione. Si tratta di un 24enne rumeno, domiciliato a Ravenna, di due cittadini di nazionalità marocchina di 27 e 33 anni, il primo senza fissa dimora l'altro residente nel faentino e di un 48enne tunisino, al quale è stato notificato decreto di espulsione da parte della Questura.

Il primo reato è emerso in seguito all'accertamento di una guida senza assicurazione, da parte della Vigilanza di Quartiere, in Piazza Baracca. Nella circostanza gli agenti hanno proceduto al sequestro del mezzo e quando il giovane ha indicato loro il luogo di custodia, si è accertato che nel medesimo luogo avrebbe dovuto trovarsi un altro veicolo sequestrato, sempre dalla Polizia Municipale, per mancanza dell'assicurazione, il primo marzo. Da più approfondite verifiche si è poi scoperto che l'auto in questione, per la quale lui era stato nominato custode, era stata utilizzata e nuovamente sequestrata, dalla polstrada di Bologna, il 4 marzo. Da qui la denuncia a suo carico per omessa custodia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I cittadini nordafricani sono stati denunciati, in due casi, in seguito ad operazioni antiabusivismo commerciale nelle vie Cavour e Diaz. Gli stessi stavano vendendo fiori recisi, senza autorizzazione, e risultavano sprovvisti di documenti di riconoscimento. Il tunisino è stato rintracciato all'interno di un locale adiacente un esercizio pubblico, al quale agenti dell'Ufficio Polizia Commerciale e Tutela del Consumatore stavano svolgendo verifiche. Le operazioni di identificazione e i conseguenti provvedimenti penali sono stati effettuati in collaborazione con i colleghi dell'Ufficio Polizia Giudiziaria.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drammatico schianto all'incrocio: nell'impatto con un'auto muore sul colpo un centauro

  • Disperato dopo la separazione, costretto a svendere su internet anche l'aspirapolvere

  • Acquista una scultura per pochi euro e scopre di aver trovato un tesoro

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna si smarca dall'obbligo della mascherina all'aperto

  • Carambola sull'Adriatica, dopo il tamponamento lo scontro frontale: grave uno scooterista

  • Il forte vento mette in ginocchio gli alberi, due auto travolte dai tronchi precipitati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento