Controlli sugli stabilimenti balneari: tre occupazioni abusive di spiaggia libera

Continuano i controlli della Capitaneria di porto di Cervia a tutela dei bagnanti. Questa volta le attività si sono concentrate a contrastare il posizionamento di lettini in una fascia non in concessione

Continuano i controlli della Capitaneria di porto di Cervia a tutela dei bagnanti. Questa volta le attività si sono concentrate a contrastare il posizionamento di lettini in una fascia di spiaggia non in concessione e destinata al pubblico uso, valer a dire il tratto più vicino a riva. “Abbiamo riscontrato che le attrezzature balneari - nel caso specifico anche 50 lettini - vengono disposti sulla spiaggia già dalle prime ore del mattino, in continuità dei limiti della propria concessione demaniale marittima, pronti per essere noleggiati ai bagnanti”, spiega  Vincenzo Petrella, comandante della Capitaneria di porto di Cervia.

Continua Petrella: “Questa prassi, oltre a limitare notevolmente lo spazio disponibile sull’arenile, non è corretta atteso che per poter posizionare ulteriori attrezzature balneari si necessita di un’autorizzazione temporanea stagionale rilasciata dal servizio demanio del Comune di Cervia, ovviamente facoltativa ed a cura del gestore, previo pagamento di un canone minimo”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Inoltre dai controlli effettuati sono stati riscontrati al momento tre stabilimenti balneari tra Cervia e Pinarella che inopportunamente avevano occupato uno spazio di spiaggia libera senza richiedere le preventive autorizzazione oltre al dovuto pagamento del canone. Il verbale amministrativo contestato è stato pari a 1.064 euro a gestore in violazione dell’ordinanza regionale balneare della regione Emilia Romagna. Conclude Petrella: “L’attività va nella direzione della legalità e del controllo sul demanio marittimo, non solo quando si tratta di commercio ambulante abusivo, ma anche in riferimento gli obblighi dei gestori, a tutela del libero accesso e godimento delle spiagge pubbliche per i bagnanti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sui binari: studente minorenne perde la vita

  • Primi due studenti positivi al Coronavirus in due scuole ravennati

  • Coronavirus, un altro studente positivo a scuola: classe in quarantena

  • Si parte in anticipo coi vaccini antinfluenzali: gratis sopra i 60 anni

  • Il coronavirus fa un'altra vittima. "Mascherina sulla bocca e testa sulle spalle"

  • Elezioni a Faenza: lo spoglio delle schede e i risultati - LA DIRETTA

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento