Ubriaco mentre guarda l'Italia colpisce con un pugno la convivente: arrestato

Un faentino di 61 anni è stato arrestato dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Faenza dopo aver opposto resistenza ai militari intervenuti

Era da poco iniziato il match di ottavi di finale tra Italia e Spagna, quando, al culmine di una lite con la convivente, l'ha colpita con un pugno. Un faentino di 61 anni è stato arrestato dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Faenza dopo aver opposto resistenza ai militari intervenuti. L'episodio si è consumato in un appartamento nel centro manfredo. L'allarme al 112 è arrivato poco dopo le 18:30, mentre era in corso il primo tempo della sfida calcistica.

La vittima, una 41enne originaria dell'ucraina, ha raccontato di essere stata picchiata dal suo compagno, che l’aveva colpita al volto con un pugno. Il personale in divisa, subito intervenuto, si è trovato di fronte la vittima con una maschera di sangue sul volto. Il suo convivente, con problemi di alcolismo, non appena ha visto sulla soglia di casa i militari dell'arma, ha tentato di spingerli fuori dalla porta.

L'immediata reazione dei due carabinieri ha permesso di immobilizzare il violento. Successivamente si e' poi reso necessario l'intervento di un'ambulanza del 118 per prestare le prime cure alla sua compagna, che e' stata portata in pronto soccorso a Faenza. i medici le hanno diagnosticato un lieve trauma cranico con ferita all’arcata sopraccigliare e contusione al labbro, con prognosi di sette giorni.

Dopo le medicazioni, i militari hanno accompagnato la donna in caserma per farsi riferire l'accaduto. Gli uomini dell'Arma avevano nel frattempo appurato che la 41enne già in precedenti occasioni si era fatta curare in ospedale; pertanto hanno voluto sapere se aveva già subito episodi di maltrattamenti ed eventualmente convincerla a denunciarli.

La donna, come purtroppo spesso accade per molte vittime di violenze domestiche che temono ritorsioni, ha negato tutto; anzi ha scagionato il suo convivente raccontando che avevano litigato per futili motivi e lui l'aveva colpita al volto in preda ad uno scatto d'ira dovuto all’abuso di alcolici. Alla fine la 41enne non ha voluto presentare denuncia contro il compagno, chiedendo di poter tornare a casa con lui.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le giustificazioni della vittima pero' non sono servite ad evitare al suo compagno l'arresto in flagranza per resistenza a pubblico ufficiale a causa della reazione avuta nei confronti dei militari dell'arma intervenuti nel suo appartamento. Martedì il giudice Milena Zavatti (pm Daniele Barberini) ha convalidato l'arresto, condannando l'imputato a cinque mesi di reclusione con rito abbreviato (pena sospesa). Al termine dell'udienza l'uomo è tornato in libertà.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sui binari: studente minorenne perde la vita

  • Primi due studenti positivi al Coronavirus in due scuole ravennati

  • Dramma sui binari: muore investito da un treno

  • Maxi festino nascosti in casa tra assembramenti e droga: 34 ragazzi nei guai

  • Travolto mentre attraversa in pieno centro: portato in ospedale in elicottero

  • A 26 anni 'sfida' il Covid e apre una pizzeria: "Faremo una pizza 'diversamente napoletana'"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento