menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Convivenza forzata e violenza sulle donne: uno spot per aiutare le vittime

DiRe – Donne in rete contro la violenza - riunisce 80 organizzazioni che gestiscono 109 centri antiviolenza e 92 case rifugio in 18 regioni

#noicisiamo è l’hashtag con cui DiRe diffonderà un spot realizzato per far conoscere alle donne che potrebbero subire violenza in questi giorni di forzata convivenza con partner maltrattanti quando chiamare in sicurezza e come trovare il numero di telefono del centro antiviolenza DiRe più vicino.

DiRe – Donne in rete contro la violenza - riunisce 80 organizzazioni che gestiscono 109 centri antiviolenza e 92 case rifugio in 18 regioni. I centri antiviolenza si sono organizzati con numeri di telefono di emergenza attivi 24 ore su 24, segreterie telefoniche e sono disponibili per interventi di emergenza su richiesta delle forze dell’ordine o dei pronto soccorso. Inoltre è possibile essere messe in contatto con un centro antiviolenza della rete DiRe anche attraverso il numero nazionale antiviolenza e antistalking 1522.

“Preservare la propria sicurezza quando si chiede aiuto è essenziale - spiega la presidente di DiRe Antonella Veltri - perché se il maltrattante si rende conto che la donna sta cercando di sottrarsi al suo controllo la situazione potrebbe precipitare. Le donne devono sapere che noi ci siamo, che siamo al loro fianco, che siamo pronte a trovare insieme la soluzione migliore per uscire da una situazione di violenza, che si può sempre uscire di casa per chiedere soccorso”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Dall'Antica Roma al terzo millennio: il mito eterno dei Lom a Merz

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento