Cooperazione internazionale, nasce il coordinamento "Il Sud siamo noi"

Le principali associazioni cittadine che perseguono obiettivi di sviluppo di relazioni di cooperazione internazionale hanno dato vita a una struttura di coordinamento che va sotto il nome di "Il Sud siamo noi"

Le principali associazioni cittadine che perseguono obiettivi di sviluppo di relazioni di cooperazione internazionale hanno dato vita a una struttura di coordinamento che va sotto il nome di  “Il Sud siamo noi”. Gli scopi sono quelli di condividere esperienze, idee e risorse, ed elaborare insieme progetti a favore delle popolazioni  dell’Africa, del Medio Oriente e dell’America Latina, paesi in cui già convergono le attività delle associazioni che per prime hanno aderito a questa forma di coordinamento.

Si tratta di: Amici di Rekko 7, Associazione di Amicizia Italia-Cuba, Il Terzo Mondo, Associazione Nigeriana, A.S.RA, Attac Ravenna, Centro Studi Juan Gerardi, Associazione di Amicizia con il popolo Mapuche, Emergency Gruppo di Ravenna, Fondazione Nuovo Villaggio del Fanciullo, Gruppo Amici di Lourène-Senegal, Cooperativa Sociale Il Villaggio Globale, Kalambeno, Rete Radié Resch, T-ERRE Turismo Responsabile, Takku Ligey. Il nuovo organismo verrà presentato sabato, in occasione di una iniziativa pubblica sul tema “L’Africa che cammina”, che si terrà alle ore 14,30 nella Fondazione Nuovo Villaggio del Fanciullo, via del Pino 102/104 a Ponte Nuovo, Ravenna.

Il programma della giornata prevede un seminario di approfondimento incentrato sul ruolo delle donne nello sviluppo del continente africano, cui interverranno: Eugenio Melandri, giornalista e coordinatore di “Chiama l’Africa”, Elisa Kidané, missionaria comboniana, scrittrice e giornalista, Oumou Diallo, mediatrice culturale guineana. E’ prevista inoltre la partecipazione di Mahyuba Belali e Ghalia Radhi, ostetriche che si trovano nella nostra città per uno stage di aggiornamento professionale nell’ambito del progetto a sostegno della salute materno-infantile “Jaima del Parto” cofinanziato dalla Regione e realizzato dal Comune di Ravenna nei campi profughi Saharawi in Algeria, di cui sono partner, fra gli altri, Domus Nova e Ausl di Ravenna.

Sarà presente l’assessore alla Cooperazione Internazionale Valentina Morigi che ha concesso anche il patrocinio all’evento. Al termine del seminario si svolgerà una cena a base di piatti tipici del Senegal, del Cameroun e della Nigeria, cui seguirà uno spettacolo di musiche e danze con artisti marocchini, senegalesi ed italiani. “Sono particolarmente contenta – dichiara l’assessore Valentina Morigi - di partecipare a questa iniziativa, organizzata da un organismo che consentirà alle diverse e qualificate associazioni che operano nel campo della cooperazione decentrata e dello sviluppo,  di collaborare fra loro, in taluni casi nella stessa area geografica, ottimizzando interventi e risorse. La solidarietà tra i popoli e le iniziative di cooperazione internazionale sono un tratto distintivo della nostra città i cui risultati sono ampiamente riconosciuti. E’ una caratteristica  che ci rende orgogliosi e che va tenuta sempre in primo piano”.  La cittadinanza è invitata a partecipare. Per informazioni e prenotazioni: emergency.ravenna@yahoo.it

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drammatico frontale sull'Adriatica, un morto e due feriti gravi

  • Dramma sui binari: perde la vita travolta da un treno

  • Precipita per oltre cento metri dal sentiero di guerra del Pasubio: muore medico in pensione

  • Spaventoso incidente stradale, coinvolte quattro auto: una donna in condizioni gravissime

  • Strage familiare a Foggia, il terzo figlio lavora a Ravenna: "Erano sereni"

  • Rubava nel supermercato dove lavora: dipendente infedele nella rete dei Carabinieri

Torna su
RavennaToday è in caricamento