rotate-mobile
Giovedì, 20 Giugno 2024
Cronaca Russi

Altre due vittime dell'alluvione nel ravennate: coppia trovata morta in casa

Verosimilmente la morte è stata causata dallo schiacciamento di un frigorifero che i due stavano movimentando

Altre due vittime del maltempo nel ravennate, dopo il cadavere trovato ieri all'interno di un'auto allagata. I soccorritori questa mattina hanno trovato una coppia di anziani morti all'interno della loro abitazione a Russi, al civico 73 di via Chiesuola. Si tratterebbe di due agricoltori, marito e moglie di 71 e 73 anni, la cui casa era stata invasa dall'acqua. Il figlio già ieri, non riuscendo a contattarli, aveva lanciato l'allarme sui social. Verosimilmente la morte è stata causata dallo schiacciamento di un frigorifero che i due stavano movimentando.

"Stiamo salvando le persone e portandole in un luogo asciutto, la protezione civile è attiva nel territorio, si è formato un nucleo di volontari che stanno andando a salvare le persone con i trattori e abbiamo otto persone dell'esercito con i mezzi marini - spiega la sindaca Valentina Palli - Non sappiamo quando si potrà rientrare in casa, anche se il livello idrometrico è rientrato la situazione delle strade resta estremamente critica. Nella scuola elementare abbiamo alloggiato 250 cittadini e resta a disposizione di chiunque non si senta al sicuro nella propria casa".

UN ALTRO DECESSO - Si rifiuta di lasciare la sua abitazione invasa dall'acqua: trovato morto

ALTRE DUE VITTIME - Muore nella casa alluvionata, salva la moglie. Trovata morta un'altra donna

Ieri era stata segnalato il cadavere di una persona all'interno di un'auto tra Solarolo e Castel Bolognese, non raggiungibile dai soccorritori. Stamattina l'auto è stata aperta ed è stato verificato che, fortunatamente, era vuota. Si registra anche un disperso in località Boncellino, a Bagnacavallo. Attualmente nel ravennate l'alluvione ha causato 5 decessi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Altre due vittime dell'alluvione nel ravennate: coppia trovata morta in casa

RavennaToday è in caricamento