menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, dopo la folle corsa agli acquisti i supermercati fanno rifornimenti a fatica

La corsa all'accaparramento di generi alimentari lascia ancora i suoi strascichi sugli scaffali dei supermercati. Ma la situazione è in via di netto miglioramento

La corsa all'accaparramento di generi alimentari lascia ancora i suoi strascichi sugli scaffali dei supermercati. Ma la situazione è in via di netto miglioramento. Ancora nel pomeriggio di martedì in diversi punti vendita della città scarseggiano alcuni generi essenziali conservati, in particolare pasta e prodotti in barattolo di latta. Insomma, la pasta al sugo non sembra mancherà sulle tavole dei ravennati nemmeno nella peggiore delle ipotesi di diffusione della Covid-19. 

Nella mattina di martedì abbiamo effettuato un giro in tre frequentati supermercati della città di insegne diverse: Coop, Famila e Sigma. In entrambi l'afflusso di clienti era il solito, segno che si è arrestata la corsa irrazionale agli acquisti, che ancora lunedì si era verificata dopo il picco di domenica pomeriggio. Un dato rilevato con costanza da tutti e tre i supermercati. 

A quanto sembra è la pasta quella che è andata a ruba. Scansie più vuote anche per i prodotti in latta, come per esempio passata di pomodoro, pelati, fagioli. Scarseggiava anche il latte a lunga conservazione e le uova. Dai magazzini centrali delle varie marche, tuttavia, non si segnala mancanze di scorte, per cui i prodotti o sono stati ripianati o lo saranno nelle prossime ore.

Migliore invece la situazione del fresco: frutta e verdura erano presenti regolarmente, un po' meno assortimento per la carne. La situazione è comunque in via di miglioramento. “Da parte degli agricoltori di Cia Emilia Romagna, sono garantiti i rifornimenti di frutta, verdura, carne e latte in tutta la regione ,grazie anche all’apertura dei mercati generali all’ingrosso che lavorano regolarmente”, spiega in un comunicato stampa la confederazione degli agricoltori.

Anche i punti vendita diretti e affiliati Despar  sono aperti al pubblico e operativi con i normali orari di lavoro. Lo ha dichiarato Francesco Montalvo, Amministratore Delegato di Aspiag Service. “Stiamo lavorando con grande impegno nei negozi, nelle sedi amministrative e nei reparti logistici. A partire da domenica si sono evidenziati dei picchi di accesso ai punti vendita, ai quali stiamo rispondendo con massima dedizione e operatività, per la quale ringrazio tutti i nostri colleghi e l’indotto. In questo particolare contesto - ha concluso Francesco Montalvo - siamo consapevoli del nostro ruolo come operatori della Grande Distribuzione Organizzata e stiamo agendo di conseguenza, con il massimo senso di responsabilità nei confronti dei nostri colleghi e dei clienti”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Sicurezza

Una casa pulita in maniera green con il vapore

Attualità

Torna l'iniziativa "Parliamo della mia salute": gli incontri

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento