Cronaca

Coronavirus, domenica chiese aperte. "Ma si chiede di evitare concentrazioni di persone"

La situazione attuale e il rischio di contagio da Covid 19 (e i conseguenti provvedimenti presi per mantenere l’ordine e la sicurezza pubblica) richiedono ai cristiani un supplemento di carità

Domenica chiese aperte, ma si chiede di evitare concentrazioni di persone. Questa la nuova informativa della Diocesi di di Ravenna-Cervia alla luce degli ultimi sviluppi di cronaca e dell’accertamento di un caso di positività al coronavirus sul territorio. Rispetto alle disposizioni rese note giovedì, la Diocesi conferma la sospensione del precetto festivo per cui i fedeli non sono obbligati a partecipare e ribadisce l’invito di evitare la concentrazione di persone in spazi ristretti.Le chiese saranno aperte per la preghiera individuale e le Messe saranno celebrate.

Chi, per ragioni di salute o per altre ragioni non parteciperà alle celebrazioni, è invitato a pregare a casa e/o a seguire la Santa Messa attraverso i media (la televisione). Rimangono confermate inoltre tutte le altre disposizioni e raccomandazioni, a partire dalla distribuzione della Comunione solo sulle mani e dalla sospensione dello scambio della pace.

“Il sabato è fatto per l’uomo e non l’uomo per il sabato”: dice Gesù nel Vangelo. La situazione attuale e il rischio di contagio da Covid 19 (e i conseguenti provvedimenti presi per mantenere l’ordine e la sicurezza pubblica) richiedono ai cristiani un supplemento di carità e di prudenza per non mettere a rischio la salute dei più deboli o anche la propria. Si tratta di misure temporanee che verranno revocate non appena sarà opportuno farlo. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, domenica chiese aperte. "Ma si chiede di evitare concentrazioni di persone"

RavennaToday è in caricamento