menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, in cinque giorni 216 domande e oltre 100 buoni spesa consegnati

Solo nei primi cinque giorni di attivazione del servizio sono state 216 le domande pervenute al Comune di Cervia, 96 le istruttorie e 101 i buoni consegnati

Buoni spesa, un aiuto concreto a tutte le famiglie. Solo nei primi cinque giorni di attivazione del servizio sono state 216 le domande pervenute al Comune di Cervia, 96 le istruttorie e 101 i buoni consegnati. Le richieste dovranno essere effettuate esclusivamente in modalità telefonica. Si può telefonare dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12 e il giovedì anche dalle 15 alle 17. Il numero è il 3292104995. Si può anche inoltrare richiesta tramite e-mail all’indirizzo sportellosociale5@comune.ra.it.

“Siamo a disposizione di tutti i cittadini che si trovano in difficoltà in questo momento particolare - spiegano il sindaco Massimo Medri e l’assessore Bianca Maria Manzi - Crediamo che il ruolo della pubblica amministrazione sia quello di essere ancora più vicina ai cittadini proprio in questo momento di difficoltà. I nostri uffici sono al lavoro senza sosta per dare una risposta rapida ed esaustiva a tutti i richiedenti. Ricordiamo ai cittadini che i buoni vengono consegnati secondo criteri precisi che tengono conto in primis della riduzione reddituale del nucleo famigliare a causa del Covid-19, del mancato lavoro o della perdita di lavori precari e del numero dei componenti del nucleo familiare, della presenza o meno di minori o disabili. Quindi vengono distribuiti alle persone che ne hanno estrema necessità ed urgenza, un contributo per acquistare beni di prima necessari fondamentali per la sopravvivenza delle famiglie in difficoltà".

"Il compito di questa amministrazione è ora in primis quello di tutelare tutti i suoi cittadini e tutte le famiglie, e di non farle sentire sole in questo momento di isolamento sociale, oltre che di difficoltà economiche - continuano sindaco e assessore - Ricordiamo inoltre che l’introduzione di questi nuovi bonus non ha modificato i servizi già a disposizione e a sostegno della fragilità, gestiti dai servizi sociali del Comune. L'erogazione di questi buoni non avrà ripercussioni sui futuri rapporti con i servizi sociali. Concludiamo dicendo che l’amministrazione pubblica è al servizio di tutti i cittadini, per quanto possibile”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sotterrata nel giardino della scuola una "capsula del tempo": verrà aperta nel 2070

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento