menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, la Lega: "Riconoscere compensi straordinari a medici e infermieri"

In questi giorni difficili sono tanti i racconti che testimoniano l’impegno e la dedizione di medici, infermieri e professionisti sanitari che stanno compiendo sforzi enormi per contrastare il diffondersi del Coronavirus

In questi giorni difficili sono tanti i racconti che testimoniano l’impegno e la dedizione di medici, infermieri e professionisti sanitari che stanno compiendo sforzi enormi per contrastare il diffondersi del Coronavirus.

"A loro va la nostra solidarietà e la nostra riconoscenza - commenta Andrea Liverani, consigliere regionale della Lega - A ciò aggiungiamo l’impegno affinché il sistema sanitario faccia il massimo sforzo per tutelarne l’incolumità fisica e la salute mentre fronteggiano un male tanto grave. Il Paese è alle prese con un’emergenza che sta mettendo a dura prova la nostra sanità, la nostra economia e le nostre famiglie: a loro va il nostro pensiero affettuoso e riconoscente e l’invito a non cedere alla fatica dei sacrifici e a proseguire con coraggio fede e speranza. E’ importante nell'affrontare questa prova che noi tutti, cittadini con responsabilità e senso di solidarietà, mettiamo in campo azioni orientate al bene comune. È fondamentale rispettare le indicazioni delle istituzioni basate su evidenze scientifiche. È inoltre necessario che i problemi economici, non meno gravi, che la situazione comporta trovino giusto rilievo e soluzione. Riteniamo opportuno che a tutto il personale sanitario venga riconosciuto un compenso straordinario per le fatiche di questi giorni, pure nella convinzione che per loro conti soprattutto la tutela della salute. Vogliamo che alle famiglie sia alleviato il fardello conseguente alla chiusura delle scuole con adeguati supporti economici e giuridici. Confermiamo la nostra vicinanza al mondo del lavoro, di qualsiasi tipo esso sia, per il quale è necessario valutare, senza indugio, ogni tipo di azione utile a tutela sia dei posti di lavoro che degli imprenditori. Dobbiamo mantenere la schiena dritta, evitando il panico, stringendoci alle nostre istituzioni. L’emergenza finirà ed avremo modo di ripartire come una grande nazione come altre volte abbiamo fatto nel passato".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sotterrata nel giardino della scuola una "capsula del tempo": verrà aperta nel 2070

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento