Coronavirus, la Uisp lancia un appello ai podisti: "Restate a casa"

"Le normative consentono l’attività motoria all’esterno a condizione di praticarla individualmente e non in compagnia. Questo però non significa che l’opzione migliore non resti quella di rimanere a casa"

"Restate a casa, per rispettare voi e gli altri. Il virus corre più forte, non sfidiamolo". È questo l’appello lanciato nelle ultime ore dal settore Podismo del Comitato Territoriale Uisp Ravenna-Lugo. "Una presa di posizione dettata, purtroppo, dai tanti episodi registrati negli ultimi giorni, con runner e camminatori di ogni età che proseguono la loro attività all’esterno pubblicizzandola spesso anche attraverso i canali social e veicolando così un messaggio assolutamente sbagliato e da non replicare".

"Le normative in atto per contrastare la diffusione del Coronavirus – tengono a sottolineare all’unisono Gabriele Tagliati, presidente della Uisp Ravenna-Lugo, e Raffaele Alberoni, responsabile del settore podismo dello stesso comitato territoriale – consentono l’attività motoria all’esterno a condizione di praticarla individualmente e non in compagnia, ancor peggio in gruppo. Questo però non significa che l’opzione migliore non resti quella di rimanere a casa e limitare il più possibile i contatti interpersonali, senza cercare cavilli o scappatoie tra le righe dei vari decreti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quello che la Uisp vuole lanciare è un invito all’uso del buon senso da parte di tutti i tesserati delle numerose società podistiche del territorio affinché i comportamenti di pochi non vadano a incidere sul benessere di molti e sull’evolversi di un’emergenza ancora lontana dall’essere superata: "Assumiamoci ognuno le proprie responsabilità – ribadiscono ancora Tagliati e Alberoni – nei confronti dei propri cari. Non esiste solamente la legge scritta, ma anche un modo di essere e di intendere lo sport e l’attività fisica che non è scritto, ma che la Uisp tramanda ormai da decenni. Siamo orgogliosi del nostro modo di essere associazione, ma allo stesso tempo dobbiamo renderci i primi esempi positivi quando è chiamato in causa il nostro senso civico. Ci sarà tempo per correre, stare insieme, divertirsi, scherzare e sfogare la nostra voglia di sport all’aria aperta. Ora è il momento di rispettare le regole e rimanere a casa. Tra qualche settimana i muscoli saranno meno tonici, il fiato meno allenato, la resistenza sarà certamente minore, ma tutti avremo fatto la nostra parte nella lotta al Coronavirus e di questo ognuno di noi ne potrà essere orgoglioso".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico schianto tra tre auto all'incrocio: muore un automobilista

  • Coronavirus, un nuovo caso e un decesso: i test sierologici scoprono gli asintomatici

  • Scontro tra due ciclisti nel sottopasso: uno è in condizioni gravissime

  • Investita alla rotonda mentre va in bici: donna in gravi condizioni

  • Aggredite a morsi dal cane nel cortile di casa: bambine in ospedale

  • Perde il controllo della moto e cade nel fosso: interviene l'elicottero

Torna su
RavennaToday è in caricamento