menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, distanza 'anticontagio' di un metro tra i clienti: e i locali si adeguano

In Emilia-Romagna, tra le misure previste c'è quella che prevede - fino all'8 marzo - il rispettare una distanza di almeno un metro tra una persona e l'altra in ristoranti, bar e anche nelle chiese

Il Governo ha emanato il decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri (Dpcm) sulle misure per il contrasto alla diffusione del coronavirus. "Misure necessarie per gestire la situazione sanitaria e poterlo fare con senso di responsabilità, lucidità e sobrietà - ha spiegato il presidente della Regione Stefano Bonaccini - Perché adesso servono anche misure economiche per tutelare imprese e lavoro nei diversi comparti più colpiti ed esposti, a partire da turismo, cultura e servizi".

Coronavirus, distanza 'anticontagio' nei locali: "Impossibile applicarla, ennesima follia"

In Emilia-Romagna, tra le misure previste c'è quella che prevede - fino all'8 marzo - il rispettare una distanza di almeno un metro tra una persona e l'altra in ristoranti, bar e anche nelle chiese. E così i ristoratori ravennati, già pesantemente colpiti dal calo di clienti, hanno iniziato ad adeguare i loro locali: come ha fatto Maurizio Bucci, titolare dell'Osteria Passatelli in pieno centro a Ravenna. "Abbiamo tolto alcuni tavoli per ottemperare alle norme imposte nei pubblici esercizi della nostra regione - spiega Bucci - Continuiamo a vivere. Ci si adegua ma non si molla". Il ristoratore ha spiegato che sta valutando anche la possibilità di applicare alcuni sconti, se questo può fungere da incentivo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento