menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, per le persone in difficoltà arriva la spesa "post pagata" a domicilio

I volontari provvederanno alla consegna della spesa in confezioni standard contenenti il fabbisogno alimentare per una settimana del valore di 25 euro per ogni componente il nucleo famigliare

In attesa che le misure per la solidarietà alimentare, annunciate dal Presidente del Consiglio dei Ministri, siano rese operative, i servizi sociali dell'Unione dei Comuni della Bassa Romagna, in collaborazione con la Protezione Civile e le associazioni del territorio, hanno approntato alcuni servizi in risposta alle emergenze del territorio.

In particolare persone anziane sole e prive di rete famigliare possono già contare su spesa a domicilio, buoni spesa, fornitura di beni di prima necessità e trasporto verso i luoghi di cura. Lunedì sarà inoltre siglata la prima convenzione con una Cooperativa di distribuzione alimentare per la fornitura della spesa "post pagata" consegnata a domicilio, una misura che risponde all'esigenza di tante persone che si trovano momentaneamente prive di liquidità. I volontari della Protezione Civile, su indicazione dei Servizi Sociali, provvederanno alla consegna della spesa in confezioni standard contenenti il fabbisogno alimentare per una settimana del valore di 25 euro per ogni componente il nucleo famigliare.

“È la prima di altre convenzioni che speriamo di estendere a ulteriori esercizi, sia per gli alimenti, sia per altri beni di prima necessità - come sottolineato dal sindaco referente per le Politiche socio sanitarie Luca Piovaccari - Ora siamo in attesa di ricevere le risorse annunciate dal Governo, destinate anch’esse alla solidarietà alimentare. Grazie al lavoro dei nostri servizi sociali e all’integrazione con il volontariato diffuso presente sui nostri territori, siamo nelle condizioni di dare ulteriori risposte alle situazioni di disagio generate da questa emergenza; azioni che sono una testimonianza tangibile della coesione sociale che caratterizza ancora le nostre comunità”.

Restano operative anche le misure già attivate nei giorni scorsi dai Servizi sociali, in collaborazione con la Protezione civile, la Croce Rossa di Lugo e le associazioni di volontariato: spesa a domicilio, buoni spesa, pasti a domicilio, fornitura di beni di prima necessità, trasporto verso i luoghi di cura sono assicurati a quanti ne necessitano; il monitoraggio della situazione è effettuato anche grazie alle chiamate fatte da volontari agli anziani e alle persone in condizioni di fragilità.

Gli Sportelli sociali dei Comuni dell’Unione della Bassa Romagna sono operativi dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 13, per rispondere alle esigenze delle famiglie e alle situazioni di emergenza. Questi i numeri, in base al proprio Comune di residenza: Alfonsine 0544866666 oppure 0544866635, Bagnacavallo 0545 280866, Bagnara di Romagna 0545905502,Conselice 0545986976, Cotignola 0545908872, Fusignano 0545955658, Lugo 054538385 oppure 054538330, Massa Lombarda 0545985886, Sant’Agata sul Santerno 0545919914.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento