menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, vertice in Prefettura per discutere il nuovo decreto

E' stato approfondito l’esame del decreto del 22 marzo, recante ulteriori misure di contrasto e contenimento alla diffusione del virus

Si è tenuta in Prefettura, nel pomeriggio di lunedì, la riunione del Ccs – Centro Coordinamento Soccorsi, con il Prefetto e le Forze dell’ordine, i sindaci, i referenti della Protezione Civile regionale, i responsabili dell’Ausl, il presidente dell’Ordine dei medici, il presidente di Autorità di sistema portuale, il comandante della Capitaneria di Porto, il comandante dei Vigili del fuoco (in maggioranza collegati in videoconferenza), per la verifica aggiornata della situazione in ambito provinciale, in relazione alla emergenza sanitaria causata dalla diffusione del Coronavirus dopo che si era svolta una riunione del Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica, con le medesime modalità.

In entrambi gli incontri, è stato approfondito l’esame del decreto del 22 marzo, recante ulteriori misure di contrasto e contenimento alla diffusione del virus mirate alla sospensione di alcune attività industriali e commerciali e contenente un ulteriore divieto di trasferimento o spostamento dal Comune dove attualmente le persone si trovano, fatti salvi i soli casi di comprovate esigenze lavorative, assoluta urgenza e motivi di salute. Il decreto prevede, inoltre, che la sospensione non operi per alcune categorie di attività elencate nell’allegato, nonché per i servizi essenziali e di pubblica utilità, per le attività di produzione e commercializzazione di dispositivi medico-sanitari e per le attività funzionali all’emergenza. L’art. 1, comma 1, lettere d)-g)-h) del dpcm prevede, inoltre, per altre categorie di attività l’invio di una comunicazione e/o una istanza di autorizzazione alla Prefettura competente (in base alla ubicazione dell’attività produttiva) per la prosecuzione dell’attività. Le comunicazioni e le istanze, le cui modalità procedurali sono precisate in una tabella sinottica pubblicata sul sito della Prefettura di Ravenna, dovranno essere inoltrate al seguente indirizzo mail: prefetto.pref_ravenna@interno.it.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento