menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Covid-19: "Tutti negativi gli ospiti della Casa residenza per anziani F.lli Bedeschi"

Ad annunciarlo è la stessa Rsa che ha eseguito un controllo a tappeto anche degli operatori della struttura

"Sono tutti negativi gli esiti dei tamponi Covid eseguiti martedì 9 giugno agli ospiti della Casa residenza per anziani F.lli Bedeschi di Bagnacavallo, così come negativi sono risultati i gli screening sierologici eseguiti agli operatori dell’Asp dei Comuni della Bassa Romagna". Ad annunciarlo è la stessa Rsa che ha eseguito un controllo a tappeto che precisa, allo stesso tempo, che "Per quanto riguarda le altre strutture gestite dall’Asp, il Sassoli di Lugo ha effettuato i tamponi a tutti gli ospiti poco più di un mese fa (anche in questo caso non è emersa alcuna positività) e li ripeterà nelle prossime settimane, mentre lunedì 15 giugno sono in programma i tamponi agli ospiti dello Jus Pascendi di Conselice".

Nell’esprimere soddisfazione, l’amministratore unico dell’Asp Pierluigi Ravagli rinnova "il ringraziamento a tutti i nostri operatori che hanno lavorato in questi mesi di emergenza epidemiologica in condizioni di assoluto disagio e sotto una pressione psicologica e mediatica che è stata fortissima. Per quanto riguarda l’ordinanza 109-2020 appena emessa dalla Regione – aggiunge Ravagli – che definisce le condizioni necessarie per consentire l’accesso alle strutture da parte dei familiari per la visita agli anziani ospiti, essa prevede protocolli molto rigidi sui quali stiamo lavorando per consentire a breve l’avvio alle visite. Ovviamente, data la delicatezza del momento e la particolare condizione di rischio al quale sono sottoposte le strutture di ricovero per anziani, le procedure previste limiteranno notevolmente il numero di accessi giornalieri".

Per l’amministratore unico la riapertura delle strutture ai familiari rappresenta certamente un altro passo importante verso il ritorno alla normalità. «È chiaro tuttavia – sottolinea – che si tratta di un processo delicato per il quale serve un grande senso di responsabilità anche da parte dei familiari che si prenoteranno per la visita ai loro parenti al fine di evitare possibili occasioni di contagio, dal quale sono rimaste escluse fino a oggi tutte le nostre strutture".  Essendo le strutture gestite dall’Asp dotate di ampi spazi esterni, stagione permettendo le visite andranno svolte prioritariamente all’esterno.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sotterrata nel giardino della scuola una "capsula del tempo": verrà aperta nel 2070

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento