L'ospedale di Lugo torna alla normalità: chiuso il reparto Covid

Nei giorni scorsi ha chiuso l’area Covid che era situata al pianterreno, capace di 30 posti letto e che, adeguatamente predisposta e sanificata, torna alla sua funzione di Medicina interna

Riparte l’attività dell’Ambulatorio Urgenze Pediatriche dell’ospedale “Umberto I” di Lugo. Verrà ripristinata da lunedì 1 giugno, in questa prima fase con orario mattutino 8-14, per tutti i giorni della settimana. Questa graduale ripresa dell’attività, che era stata sospesa a seguito dell’emergenza Covid-19, verrà svolta da un medico dell’unità operativa di Pediatria di Ravenna-Faenza-Lugo diretta dal dottor Federico Marchetti e da due infermieri.

Le attività prevedono la visita in regime di pronto soccorso con eventuale uso della diagnostica laboratoristica o di immagini nei casi necessari. Il primo accesso dei piccoli pazienti avverrà da pronto soccorso generale e, laddove vi sia necessità di osservazione breve, al momento restano invece operativi i presidi di Ravenna e Faenza.

“Si tratta di un modello di ripresa di attività innovativo – spiega il dottor Marchetti - che coniuga nel modo più efficace possibile l’assistenza ospedaliera con quella della medicina territoriale. Molto importante è dunque il ruolo dei pediatri di famiglia del territorio”.

Intanto vi sono anche altre situazioni in evoluzione presso l’ospedale di Lugo, che comunque resterà operativo sul tema Covid, a seguito del minor impatto che l’infezione da nuovo Coronavirus sta avendo sulla popolazione. Nei giorni scorsi ha chiuso l’area Covid che era situata al pianterreno, capace di 30 posti letto e che, adeguatamente predisposta e sanificata, torna alla sua funzione di Medicina interna. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"E' auspicabile che tutti i servizi, con il rispetto delle normative e con i tempi dovuti, possano riprendere ed essere nuovamente fruibili ai cittadini e agli utenti - commenta il consigliere regionale della Lega Andrea Liverani, che preannuncia un'interpellanza in Assemblea Legislativa Regionale- Ringrazio nuovamente tutto il personale sanitario che in questi mesi si è prodigato per far fronte all'emergenza in tutti i reparti e i settori e che, ancora oggi, è in prima linea. La situazione sta lentamente migliorando e spero che si possa tornare alla normalità, ma non dimentichiamo le promesse del Presidente Bonaccini che ha più volte annunciato risorse nella sanità in particolare agli ospedali Covid-19. Lugo e aggiungo Faenza devono ricevere quanto promesso per rimodernare i reparti e garantire migliori terapie. Lo ricorderò a Bonaccini e gli ricorderò che il Commissario Straordinario per l'emergenza in Lombardia è costato simbolicamente 1 euro, Venturi in questa regione oltre 9mila euro al mese".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • 10 alunni e 2 insegnanti positivi al Covid: la scuola chiude e fa il tampone a tutti

  • Troppi casi di Coronavirus nelle classi: chiude un'altra scuola

  • Ritrovato nei boschi dopo tre giorni insieme al suo fedele cane: "Nelle ore più fredde ci scaldavamo vicini"

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • A 91 anni fa il Giro d'Italia in barca a vela: "Mettetevi in gioco, è la paura che fa invecchiare"

  • Violento scontro all'incrocio, mezzi distrutti: una famiglia all'ospedale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento