Creme solari bio e formazione aziendale: le start up dell'incubatore 'U-Start'

L'incubatore bassoromagnolo è nato nel 2003 per incentivare lo sviluppo di idee imprenditoriali e supportare in modo concreto l’avviamento di nuove imprese

Fanno parlare di sé due aziende nate nell’incubatore bassoromagnolo U-Start, nato nel 2003 per incentivare lo sviluppo di idee imprenditoriali e supportare in modo concreto l’avviamento di nuove imprese, gestito da Romagna Tech e promosso dall’Unione dei Comuni della Bassa Romagna.

La prima è "Improovo", azienda attiva nel settore HR Tech (trasformazione digitale nel settore risorse umane), che ha lanciato la propria campagna di equity crowdfunding aprendosi all’ingresso di nuovi soci. Improovo ha realizzato una piattaforma web dove si incontrano domanda e offerta di formazione aziendale, la prima secondo il modello del crowdsourcing esclusivamente dedicata a questo mercato. Tramite il portale le aziende possono pubblicare le proprie esigenze formative e ottenere diverse proposte dai formatori interessati, potendo poi valutare le migliori in termini di programma, curriculum del docente, prezzo, feedback pregressi, ecc.. Il tutto risparmiando tempo, con maggiore possibilità di scelta e senza dover sostenere le intermediazioni dei rivenditori di formazione tradizionali. In poco più di un anno Improovo ha raccolto più di 200 aziende e di 350 operatori della formazione iscritti al servizio. Ad oggi il servizio è disponibile solo per l’Italia, ma è nei piani dell’impresa, dopo aver consolidato la presenza nel mercato italiano, internazionalizzare il servizio puntando a mercati più ricchi, quali quelli del nord Europa. La campagna di equity crowdfunding resterà aperta fino alla fine di luglio. L’obiettivo di raccolta minimo è di 50.000 euro, mentre l’obiettivo massimo è di 250.000 euro. La campagna si svolge sulla piattaforma BacktoWork24.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La seconda startup si chiama "rECOver", che a pochi mesi dall’avvio del progetto si già aggiudicata importanti riconoscimenti, tra cui il premio Rotary Club di Lugo e il premio Unido Itpo Italy International Award Categoria Giovani Under 35. Il team di rECOver è stato inoltre selezionato tra i 10 progetti finalisti della Start Cup ER 2019 e il 10 ottobre parteciperà alla finale regionale in cui sarà proclamato il progetto vincitore e saranno scelti i progetti che sfideranno i finalisti delle altre competizioni regionali al PNI - Premio Nazione per l'Innovazione. Michele Iafisco, Tom Lavery, Alessio Adamiano e Francesca Carella, i promotori del progetto, hanno sviluppato un processo in grado di produrre materiali innovativi, di origine completamente naturale e rispettosi della salute del consumatore e dell’ambiente, a base di fosfato di calcio in grado di sostituire i principi attivi di natura chimica/sintetica attualmente utilizzati in ambito skincare. I materiali di rECOver forniscono inoltre una maggiore stabilità alle creme solari e ne preservano nel tempo la capacità di fotoprotezione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un ravennate in Nuova Zelanda: "Guardavano noi italiani con diffidenza, ora il panico è arrivato anche qua"

  • A pochi giorni di distanza il Coronavirus porta via marito e moglie

  • Schianto fatale all'incrocio con un camion: perde la vita un 78enne

  • Schianto all'incrocio con un camion: anziano in ospedale in condizioni gravissime

  • Inquinamento alle stelle, valori record in tutta la Romagna: la spiegazione di Arpae

  • Terrore in strada: spoglia una donna e la palpeggia, minore denunciato per violenza sessuale

Torna su
RavennaToday è in caricamento