Crisi turismo e commercio, Ugl: “Attivare subito misure di sostegno per chi ha perso il lavoro”

"Questo blocco delle attività e limitazioni comporterà nel medio e lungo periodo del 2021 un boom di precari", avverte il segretario provinciale di Ugl Terziario Giuseppe Greco

“C'è grande preoccupazione per le grandi difficoltà in cui versano le attività commerciali e soprattutto per il crollo del turismo stagionale nella città di Ravenna e provincia. Per gli effetti dei vari Dpcm governativi emanati a causa del Covid 19 abbiamo registrato e lo dicono le statistiche istituzionali una fortissima diminuzione delle assunzioni di lavoratori in questi due settori”: a lanciare l'allarme è Giuseppe Greco, segretario provinciale dell'Ugl Terziario di Ravenna.

“In questa lunga fase della pandemia i titolari di tante piccole e medie imprese hanno lasciato a casa i propri dipendenti in regime di cassa integrazione sostituendosi direttamente al personale, mentre in altri casi hanno fatto ricorso a lavoratori a “giornata” soprattutto nei periodi liberi da fasce rosse – arancioni. Questo blocco delle attività e limitazioni alla circolazione delle merci e delle persone comporterà nel medio e lungo periodo del 2021 un boom di precari. In particolare, i tanti lavoratori con famiglie a carico in attesa di riprendere il lavoro nel settore del turismo stagionale estivo che si ritroveranno con un rischio elevato di non riuscire ad ottenerlo soprattutto per la mancanza di liquidità di tante imprese che non permette assunzioni stabili”: aggiunge il segretario provinciale dell' Ugl Terziario di Ravenna.

“E’ evidente che non trovando nell’immediato occupazione, questi stagionali non riusciranno a maturare i necessari requisiti contributivi richiesti per poter accedere alla domanda per l’indennità di disoccupazione (la Naspi), che prevede il versamento contributivo nei 4 anni precedenti l’inizio del periodo di disoccupazione di almeno 13 settimane di contributi per i requisiti minimi. Non sarà certo il bonus onnicomprensivo Inps di 1000 euro a risolvere il problema occupazionale di queste categorie, sarà necessario stanziare ulteriori e più congrue risorse per sostenere economicamente queste persone. Considerando anche che da settembre-ottobre dello scorso anno e fino a gennaio di quest’anno è già in parte terminato per i lavoratori del turismo e del commercio che avevano messo assieme i requisiti necessari il beneficio economico concesso dall’Inps”: afferma Giuseppe Greco.

“Registriamo un elevato numero di inoccupati e disoccupati tenendo anche conto di coloro che non hanno più ripreso il lavoro dallo scorso 8 marzo 2020 per effetto della scadenza contrattuale e pertanto non si sono visti più rinnovato il loro contratto, senza parlare soprattutto di quanti scontano ancora la cassa integrazione Cig a “Zero ore” e pertanto, in base alla normativa vigente non maturano i requisiti per accedere alla Naspi. La nostra preoccupazione. Ravenna è una città che vive di turismo per il 70% della produttività, e possiamo bene immaginare lo scenario che ci ritroveremo di fronte senza un tempestivo intervento economico – normativo del governo. A livello locale riteniamo sia importante attivare un tavolo provinciale e/o regionale con gli Enti preposti per studiare misure a beneficio di tutti coloro che si trovano in questa contingenza negativa”, propone l’Ugl Terziario di Ravenna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cristiano dedica il suo 'brodetto che innamora' al marito e conquista i giudici di Masterchef

  • Tragico infortunio sul lavoro: muore operaio di 26 anni

  • Muore a 26 anni, l'appello: "Aiutateci a trovare una casa per le sue gatte"

  • Nuovo decreto: visite agli amici solo in due, niente asporto dopo le 18 per i bar e 'area bianca'

  • Carcasse di animali e 600mila euro in contanti nello studio: sequestro da 1 milione al veterinario

  • Drammatico ritrovamento in casa: a fianco del divano bruciato il corpo senza vita di una donna

Torna su
RavennaToday è in caricamento